Cronaca

Caos scuole: manca personale. Lacoppola: "Molti bidelli sono invalidi"

A qualche giorno dall'inizio della scuola, è pieno caos negli istituti di Bari e provincia. Il personale è poco e il provveditore di Bari Lacoppola sentenzia: "Non è colpa dei tagli. Molti bidelli sono invalidi"

Ormai manca solo qualche giorno all'inizio della scuola (la prima campanella per gli studenti baresi suonerà fra il 12 e il 15 settembre) ma il caos negli istituti della nostra provincia è ancora decisamente alto. In molte scuole baresi, infatti, ci sono varie carenze strutturali e non solo visto che alla penuria di materiale scolastico (banchi, sedie, ecc.) si aggiunge quella, ben più preoccupante, di personale. I tagli portati in dote dalla manovra voluta dal ministro Mariastella Gelmini, infatti, procurano grosse carenze come quelle relative alla cospicua riduzione di personale amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA). Si stima, cioè, che rispetto allo scorso anno scolastico, il personale tagliato dal settore corrisponde a circa 500 unità: un'enormità. C'è chi, però, non ritiene che i problemi del settore scolastico siano figli dei tagli voluti dal Governo. E' il caso del direttore dell'ufficio scolastico provinciale Giovanni Lacoppola; il provveditore, infatti, sostiene che la causa dei disservizi relativi al personale è attribuibile ad altri motivi: "Anziché addebitare tutta la colpa ai tagli del governo, genitori e mass media dovrebbero considerare che buona parte dei bidelli che sono stati immessi quest'anno sono portatori di handicap. Tutto ciò finirà per creare più problemi del taglio di personale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos scuole: manca personale. Lacoppola: "Molti bidelli sono invalidi"

BariToday è in caricamento