menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Capurso, nelle campagne alla periferia del paese una piantagione di papaveri da oppio

La coltivazione clandestina è stata scoperta dai finanzieri in due terreni alla periferia dell'abitato, in prossimità di due strade pubbliche

Una vera e propria piantagione di papaveri da oppio, nelle campagne alla periferia di Capurso, a poca distanza dalla strada. Oltre 1.300 le piante, dell’altezza media di 1,5 metri e sulle quali fiorivano oltre 5.000 capsule, scoperte e sequestrate dai Finanzieri del Gruppo Bari.

I finanzieri sono stati insospettiti dall'altezza delle piante, dalle dimensioni delle capsule e dal vivace colore della fioritura, dal violaceo al lilla intenso. Sono state avviate indagini, tuttora in corso, al fine di identificare a chi fosse destinata l’ingente produzione.

Inoltre, le piante estirpate sottoposte ad esami speditivi di laboratorio, hanno confermato i sospetti: le capsule contenevano morfina e tebaina, sostanze oppiacee. Da esse si sarebbero ricavate oltre 1.200 dosi di sostanza stupefacente tipo oppiaceo. Al termine delle attività è stata depositata alla Procura della Repubblica di Bari una denuncia per “produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope”, in violazione dell'articolo 73 del Testo unico sugli stupefacenti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento