menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carbonara, l'ex Macello abbandonato: puntellata parte della facciata

Operazioni di messa in sicurezza e pulizia nella struttura, ormai abbandonata al degrado da decenni: i tecnici del Comune hanno rilevato una crepa sulla facciata e transennato la parte di strada antistante, in attesa di capire come intervenire

A provocare la crepa sarebbe stato il peso di un grosso albero di pino, che dopo essere in parte caduto si era praticamente 'ripiegato' sul muro. Così questa mattina gli operai del Comune che sono intervenuti per rimuovere l'albero, nell'ex Macello di Carbonara, hanno provveduto anche a puntellare parte della facciata della struttura, abbandonata ormai da decenni. Un intervento di messa in sicurezza reso necessario anche dal fatto che l'edificio sorge proprio a ridosso della strada che unisce Carbonara allo stadio San Nicola, al quartiere Santa Rita e a via Camillo Rosalba.

Gli operai, inoltre, hanno provveduto ad una pulizia del giardino interno, rimuovendo erbacce e altri rifiuti, come vecchi infissi e pedane in legno che si trovavano nell'immobile. La zona antistante l'ex Macello è stata transennata, e sulla strada sono stati posizionati dei cartelli di "lavori in corso" per segnalare agli automobilisti la presenza dell'ingombro. Ora toccherà al Comune decidere in tempi brevi quali interventi attuare alla luce della crepa rilevata oggi dai tecnici.

Del resto, i segni di decenni di incuria e abbandono sulla struttura sono abbastanza evidenti. Che questa sia l'occasione per cominciare a parlare della sua riqualificazione? Il recupero dell'immobile, spiega il presidente del IV Municipio, Nicola Acquaviva, in questi anni sarebbe stato ostacolato anche dalla presenza di un vincolo urbanistico che però ora sarebbe venuto meno.

Ma in questo caso più che mai, è davvero difficile dire se e quando l'ex Macello sarà davvero riqualificato. C'è solo da sperare almeno in un intervento celere per rimuovere pali e recinzioni che adesso ingombrano la strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento