Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca Carrassi / Viale Papa Giovanni XXIII

Mercato ex Palmiotto, l’inaugurazione probabilmente dopo la Fiera

L'apertura del nuovo mercato è ormai questione di giorni. Nell'area box attrezzati per gli oltre 200 ambulanti che attualmente lavorano in via Montegrappa, spazi verdi e giostre per bambini

L'interno del nuovo mercato

Questione di giorni, quasi certamente dopo la Fiera del Levante, e gli ambulanti del mercato di via Montegrappa potranno prendere possesso dei box nel nuovo spazio attrezzato in viale Papa Giovanni XXIII, nell’area ex Palmiotto. Se ne parlava da decenni. Addio banchetti in legno, tendine con sostegni precari, urla e confusione sotto le abitazioni in quella stretta traversa di corso Benedetto Croce, nel quartiere Carrassi a Bari. E, soprattutto, addio a quegli odori sgradevoli che per decenni sono rimasti nell’aria anche dopo la pulizia della strada,a bancarelle ormai smontate. Più igiene sicurezza per venditori e acquirenti: scarichi fognari, acqua corrente, celle frigorifere, tutto a norma, al riparo da caldo e freddo. Ma anche aree verdi e 2 zone attrezzate con giostrine per bambini: un piccolo ‘polmone verde’ in una delle zone più cementificate della città, a ridosso dell’imponente struttura carceraria. Mancano solo il collaudo degli impianti, le panchine da installare e la pulizia dai residui edilizi per permettere a oltre 200 ambulanti di prendere possesso del proprio box nell’area da 20mila metri quadrati, costata 5 milioni di euro di fondi esclusivamente comunali  e i cui lavori sono cominciati 2 anni fa.

Domani è previsto un incontro tra l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Marco Lacarra, e i rappresentanti dei commercianti per definire al meglio la gestione della struttura, che richiederà frequenti manutenzioni degli impianti. Ma il vero problema, come lo stesso Lacarra ha spiegato nel corso del sopralluogo di stamattina sul cantiere, resta la tutela del bene: “Molti cittadini purtroppo non rispettano le opere pubbliche e non vogliamo che ciò si verifichi anche per questa struttura – ha affermato l’assessore – è la mentalità che deve cambiare, altrimenti non ha senso che il Comune investa in opere pubbliche”. Per questo l’intenzione è di posizionare dei paletti che impediscano l’ingresso di camioncini e motorini, ma in ogni caso la collaborazione dei cittadini al mantenimento del decoro dell’area e dei giardini resta fondamentale. Riguardo le polemiche sui lavori fuori dall’orario consentito, durante il mese di agosto, Lacarra ha spiegato la necessità di evitare le ore più calde della giornata a causa del materiale usato per la guaina del tetto, sensibile al calore, e quindi per tutelare la salute degli operai che maneggiavano la sostanza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato ex Palmiotto, l’inaugurazione probabilmente dopo la Fiera

BariToday è in caricamento