Botte e minacce ai familiari, colpisce la madre con una padella: arrestato 42enne

L'uomo è stato tratto in arresto dai poliziotti del commissariato di Carrassi: l'ultima aggressione a suon di calci e pugni alla sorella, ma maltrattamenti e violenze anche verbali erano all'ordine del giorno

Con l'ultima aggressione, a suon di calci e pugni, aveva mandato in ospedale la sorella, procurandole ecchimosi giudicate guaribili in venti giorni. In realtà, però, le violenze - fisiche ma anche verbali - si sarebbero ripetute da anni, ai danni anche dei genitori.

Così un 42enne barese con precedenti di polizia, è stato arrestato e condotto in carcere dai poliziotti del commissariato di Bari - Nuova Carrassi con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni.

Secondo quanto accertato dai poliziotti, il 42enne aveva in più occasioni percosso la madre e quotidianamente minacciava ed insultava la sorella ed entrambi i suoi  genitori. In una  circostanza è emerso che l’uomo aveva addirittura colpito la madre con una padella da cucina.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto nel carcere di Bari a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

  • Forno a microonde, quali sono i reali rischi per la salute?

  • ''La Uascèzze''

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

Torna su
BariToday è in caricamento