Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Carrassi / Strada Privata Borrelli

Manca la licenza, il Piccolo Teatro costretto alla chiusura

I titolari della struttura intitolata a Eugenio D'Attoma non hanno rinnovato la licenza. Per questo è arrivata al loro indirizzo, l'ordinanza di chiusura da parte del Comune. Il figlio del fondatore, Stefano, accusa: "Avrebbero dovuto avvisarci delle variazioni della normativa e aiutarci"

Non c'è pace per i teatri baresi. Dopo la chiusura del Piccinni per restaurazione, quella dell'Abeliano (che solo da poco ha ricevuto nuova vita) e del Kursaal (al momento ancora all'asta dopo tentate vendite andate deserte), ora è la volta del Piccolo Teatro del quartiere Carrassi.

Sabato scorso, la struttura ha chiuso ufficialmente i battenti. Il motivo: la proprietà ha ricevuto un'ordinanza di chiusura. A quanto pare, la licenza, scaduta da tempo, non è stata rinnovata.

Amareggiati i titolari della struttura, il terzo teatro più vecchio della città: “Se si ammazza la stagione del Piccolo Teatro, è come se Eugenio D’Attoma morisse una seconda volta”. Precise le parole del figlio del fondatore, Stefano D'Attoma che proprio non ce la fa a veder svanire i sacrifici di una vita, quella di suo padre e dello staff del contenitore culturale. "Stiamo chiedendo di risolvere il problema in modo da metterci in regola per poter concludere la stagione – continua il proprietario – . La normativa è cambiata". E va bene. Ma il punto è: "Perché nessuno ci ha avvisato per tempo? Il Comune avrebbe dovuto collaborare con noi, suggerire soluzioni utili e non solo sanzionare”.

Insomma, D'Attoma appare realmente amareggiato. Soprattutto perchè la stagione 2012 rischia di non essere portata a termine: "E’ un peccato che una donna come Nietta Tempesta sia cancellata con un’ordinanza che è abbastanza spietata. Nessuno - dice ancora -  vuole contestare un provvedimento legittimo ma bisogna ragionare in maniera costruttiva e vogliamo che ci venga spiegato cosa fare per metterci in regola”. Nel frattempo, il teatro di Strada privata Borrelli resta chiuso. Tutti gli spettacoli in cartellone sono stati annullati e la rassegna 'Cinema Jazz', prevista ogni mercoledì, è stata spostata a Villa Camilla, a Poggiofranco, con ulteriori spese per i titolari.

Un altro storico teatro, quindi, vede le sue scene ferme mentre in città la richiesta di eventi culturali cresce quotidianamente e a dismisura. Ma la realtà, evidentemente, va in controtendenza.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manca la licenza, il Piccolo Teatro costretto alla chiusura

BariToday è in caricamento