Cronaca

La Casa delle bambine e dei bambini si prepara a ospitare nuove famiglie: "A breve il bando"

L'annuncio dell'assessore al Welfare Bottalico. Il progetto garantisce servizi di assistenza alle famiglie indigenti con bambini piccoli

Ad un anno dall'apertura, L'Emporio e la Boutique sociale della Casa delle Bambine e dei Bambini si preparano ad accogliere nuove famiglie bisognose. Sta per essere pubblicato il nuovo bando del progetto realizzato dall'assessorato al Welfare del Comune di Bari, grazie al quale vengono offerti servizi di assistenza alle famiglie indigenti con figli piccoli.

Come funziona il servizio

Nella struttura comunale - gestita in ATS dal Consorzio fra cooperative sociali Elpendù, Progetto Città e l’APS Farina 080 Onlus, con la collaborazione di un’ampia rete cittadina di partner locali - le famiglie in graduatoria potranno ricevere beni alimentari e beni di prima necessità, oltre a prodotti igienico-sanitari, abiti, accessori e piccoli arredi.

Ciascuna famiglia potrà spendere il punteggio assegnato dal Comune facendo due spese al mese per sei mesi e scegliendo liberamente i beni di cui necessita tra quelli presenti nell’emporio. L’acquisto dei beni nell’emporio avviene utilizzando una moneta virtuale nominativa, depositata su una tessera semestrale, che funziona tramite un punteggio scalato di volta in volta. Nella boutique, invece, sono disponibili abiti e accessori per la prima infanzia e per le mamme in gravidanza. Sarà, inoltre, donata la “culla di Eugenia” contenente un kit per la prima infanzia costituito da un corredino e da beni di prima necessità per i primi giorni di vita di neonati e neonate. Le famiglie individuate con bando possono, inoltre, beneficiare delle visite specialistiche realizzate grazie alla collaborazione con l’associazione Sophi onlus e i tanti medici volontari, tra cui dentisti odontoiatri ed igienisti dentali, pediatre, ostetriche, oculista e ottico, fisiatra, pneumologi, psicologa.

Chi può fare domanda

Finora sono state più di 50 famiglie e di 100 bambini/e a beneficiare di 100 visite mediche gratuite. Al nuovo bando possono partecipare i nuclei familiari con un reddito Isee non superiore a 3mila euro, con uno tra questi requisiti: una donna in stato di gravidanza o la presenza di almeno un figlio minore tra gli 0 e i 5 anni. Il servizio è destinato ai cittadini italiani, residenti nel Comune di Bari e seguiti dai Servizi socio-educativi, o da cittadini appartenenti all'Unione Europea o extracomunitari regolarmente presenti sul territorio nazionale.

Le altre attività

La Casa delle Bambine e dei Bambini, inoltre, è supportata da un’ampia rete cittadina di organizzazioni, aziende, volontari e donatori che sostengono le attività offerte a tutta la cittadinanza. Nel centro polifunzionale per l’infanzia vengono organizzati anche laboratori artistici ed espressivi, iniziative di animazione ed eventi, percorsi di sostegno per neomamme e per la genitorialità e di prevenzione sanitaria con medici specialisti della prima infanzia. Come un vera e propria abitazione, la Casa delle Bambine e dei Bambini è divisa in stanze con attività e obiettivi diversi: emporio e boutique sociale, stanza del gioco e del riposo “pluralia”, stanza della genitorialità, stanza del benessere e piazza della solidarietà (agorà).
 
Il progetto viene sostenuto anche dalle donazioni dei privati, che possono lasciare i beni direttamente alla struttura martedì al sabato, dalle 16 alle 19, e la prima domenica del mese, dalle 10 alle 13. Per le donazioni di denaro è stato creato invece uno specifico conto correntei (IBAN IT 55 Q 0542404014 000001025206).
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Casa delle bambine e dei bambini si prepara a ospitare nuove famiglie: "A breve il bando"

BariToday è in caricamento