menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

'Casa delle culture', siglata la convenzione per il centro per migranti al quartiere San Paolo

L'assessore al Welfare Bottalico: "Sarà un punto di riferimento per residenti e ospiti". La struttura offrirà diversi servizi, tra cui anche uno sportello per l'integrazione socio-sanitaria e culturale

Nuovo passo in avanti verso la nascita della 'Casa delle culture' al quartiere San Paolo. Questa mattina è stato infatti siglata la convenzione per l’affidamento della gestione del centro polifunzionale per migranti in via Barisano da Trani, realizzato con fondi PON FESR - Sicurezza per lo sviluppo-obiettivo convergenza 2007/2013.

Il documento è stato sottoscritto dall’assessorato al Welfare e dall’ATS composta dal consorzio Elpendù, le associazioni Abusuan e Gruppo Lavoro Rifugiati e la cooperativa sociale CAPS. Il servizio è destinato a persone migranti e italiane e finalizzato all’accoglienza temporanea residenziale di 25 migranti, comprensivo di uno sportello per l’integrazione socio-sanitaria e culturale, un centro di promozione, confronto ed educazione interculturale e di spazi di orientamento lavorativo.

“Nelle prossime settimane - commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico - definiremo il cronoprogramma delle attività di animazione territoriale, che ci servirà per avere un quadro più chiaro sui bisogni dei residenti e far sì che questa struttura possa diventare una risorsa per l’intero quartiere. Le attività previste non riguardano solo l’inclusione dei migranti ma comprendono anche percorsi di educazione interculturale, di formazione e di prevenzione e scambi culturali intergenerazionali rivolti a tutta la cittadinanza, anche attraverso il coinvolgimento delle scuole, delle istituzioni, della Asl, delle associazioni territoriali e di chiunque voglia parteciparvi. Sono certa che la Casa delle culture diventerà un punto di riferimento per i residenti e per gli ospiti, che insieme potranno organizzare attività socio-culturali e iniziative di sensibilizzazione aperte all’intera città”. 

IL SERVIZIO - Il servizio è rivolto ai migranti seguiti dai servizi sociali dell’ufficio Immigrazione del Comune di Bari che necessitano di completare un percorso di inclusione sociale, di formazione scolastica/professionale e di avviamento al lavoro o che hanno già un’attività lavorativa, anche occasionale. Il periodo di permanenza per i migranti non potrà superare i 90 giorni, eventualmente prorogabili per particolari esigenze. I beneficiari potranno usufruire dei servizi del centro e partecipare a tutte le attività organizzate al suo interno secondo un progetto individuale costruito con gli operatori. Gli obiettivi consistono nell’accoglienza temporanea dei migranti, nell’offerta di percorsi di inclusione lavorativa, nel monitoraggio delle necessità e di eventuali criticità, nell’informazione e nell’accompagnamento all’accesso e alla fruizione della rete dei servizi sociali, socio-sanitari, dell’istruzione e delle risorse socio-culturali del territorio, nell’attivazione di interventi di mediazione linguistica e culturale, nello sviluppo di strategie di lavoro in rete tra soggetti istituzionali e non, servizi, scuole e centri, nella costituzione di un osservatorio stabile sul fenomeno migratorio cittadino e sui processi di inclusione e nella promozione di percorsi socio-culturali finalizzati a sensibilizzare la cittadinanza, che sarà chiamata a partecipare attivamente a tutte le fasi di costruzione dei vari percorsi, sul tema dell’immigrazione, dei diritti umani, dell’educazione alla pace e del confronto interreligioso, anche attraverso la creazione di spazi stabili di confronto. Saranno attivati anche uno sportello per l’integrazione socio-sanitaria e culturale dedicato alle persone particolarmente vulnerabili (con disagio psico-fisico, donne con figli minori, vittime di tratta, richiedenti e titolari di protezione internazionale) e un’area dedicata all’avvio di laboratori pre-professionalizzanti e di orientamento lavorativo.

LA STRUTTURA - La “Casa delle culture” si sviluppa su tre livelli, per una superficie complessiva di 2.560 mq. Il 1° e il 2° piano saranno adibiti a zona di accoglienza residenziale per i migranti. Il piano terra, completo di locali per la cucina e la mensa, è costituito da due locali completamente arredati da adibire a segreteria dello sportello per l’integrazione socio-sanitaria e culturale. Sempre al piano terra sono stati allestiti spazi per eventi teatrali/culturali con 106 posti a sedere, una sala conferenze dotata di 96 posti a sedere e una sala adibita a laboratorio informatico/aula di formazione dotata di 35 postazioni informatiche. Il centro è dotato di un sistema attivo di videosorveglianza di tutti gli accessi e delle zone comuni interne.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento