rotate-mobile
Cronaca Casamassima

Casamassima, l'Arpa conferma: "Acqua contaminata". Il sindaco: "Restano i divieti"

Prosegue l'emergenza idrica nella cittadina barese. Domani ulteriore prelievo di campioni. Prosegue la distribuzione con le autobotti. Presto consiglio comunale straordinario

Il responso delle analisi effettute da Arpa Puglia è arrivato: confermato il divieto di potabilità dell'acqua a Casamassima, a causa della contaminazione "di origine ambientale". Le analisi dei tecnici hanno rilevato la presenza di batteri per valori oltre i limiti di legge: "La nota del direttore della Asl Angela Carenza - spiega il sindaco della cittadina barese, Vito Cessa - conferma il divieto di utilizzo dell’acqua ad uso potabile nonché l’adozione di tutte le precauzioni già indicate. Non si deve usare l'acqua a fini potabili né per lavarsi i denti". Il Comune ha deciso di avvalersi della consulenza di un infettivologo per "Valutare al meglio la situazione". L'emergenza va ufficialmente avanti dal 7 maggio, giorno dell'ordinanza comunale che proibisce momentaneamente l'uso potabile dell'acqua. 

Ulteriori campioni verranno prelevati domani mentre è confermato il rifornimento  Intanto il Comune ha deciso di avvalersi della consulenza di un infettivologo per valutare al meglio la situazione. Ulteriori campioni saranno prelevati nella giornata di domani, 11 maggio. Confermata la distribuzione delle sacche di acqua potabile, fino ad esaurimento scorte nelle postazioni di Via Lecce, dell' Area Mercatale e di Via Turi: "L'acqua delle autobotti deve essere usata solo per fini potabili - avverte il sindaco - . Per cucinare e lavarvi potete usare l'acqua dei rubinetti. L'Asl garantisce che bollita non crea problemi". Il primo cittadino ha inoltre chiesto la convocazione di un consiglio comunale dedicato all'emergenza e aperto alla cittadinanza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casamassima, l'Arpa conferma: "Acqua contaminata". Il sindaco: "Restano i divieti"

BariToday è in caricamento