"Nell'ex caserma Aeronautica l'Istituto d'Arte": vicina l'intesa tra Comune e Demanio

Nei prossimi giorni sarà definita la permuta a titolo gratuito, primo passo verso la riqualificazione della grande struttura del quartiere Madonnella. Già pronti 4 milioni di euro

L'ex Caserma dell'Aeronautica di corso Sonnino, nel quartiere Madonnella di Bari, potrebbe diventare la nuova sede dell'Istituto d'Arte 'De Nittis-Pascali': è "in corso di definizione", infatti,  l'intesa tra il Comune di Bari e l'Agenzia del Demanio, con l'obiettivo di definire una "permuta a titolo gratuito" dell'edificio dismesso, che si estende per circa 10mila metri quadri. Palazzo di Città, inoltre, sta lavorando ad una convenzione con la Città Metropolitana per consentire il trasferimento della scuola (frequentata da mille studenti) nella struttura. Nei giorni scorsi, invatti, il vicesindaco di Bari Introna, accompagnato dal consigliere della città metropolitana delegato all’edilizia scolastica Vito Lacoppola  e dalla dirigente scolastica Irma D’ambrosio , ha incontrato i rappresentanti dell’agenzia del demanio per un sopralluogo nell'edificio. Dopo la permuta e il protocollo d'intesa, la Città Metropolitana provvederà alla riqualificazione: a disposizione ci sono già circa 4 milioni di euro del Patto siglato ocon il Governo nel 2016. Inizialmente i fondi erano destinati all'ipotesi di una sede unica tra Accademia delle belle arti e istituto artistico all’interno della Caserma Rossani. Il progetto non era più possibile a causa degli spazi non non sufficienti nell'ex struttura militare del quartiere Carrassi.

Decaro: "Risultato importante"

Soddisfatto il sindaco Antonio Decaro: “Abbiamo raggiunto - afferma - un importante risultato che metterà a disposizione degli studenti che ogni giorno arrivano a Bari anche dai comuni dell’area metropolitana, un immobile di grande valore in una zona centrale della città senza nessun costo per gli enti pubblici interessati. Il nostro obiettivo è valorizzare il patrimonio esistente riaprendo uno ad uno tutti gli edifici chiusi. In questi anni grazie alla collaborazione con il Governo e l'agenzia del demanio stiamo facendo proprio un lavoro di recupero delle tante caserme presenti in città che rappresentano un patrimonio immenso da recuperare e valorizzare". Per il consigliere metropolitano all'Istruzione, Vito Lacoppola, "Grazie al lavoro portato avanti tra Comune e Agenzia del Demanio e Città Metropolitana siamo riusciti a trovare finalmente una sede adeguata e degna della storia e della tradizione del Liceo Artistico De Nittis di Bari.  Allocando il liceo nella caserma Sonnino, situata in pieno centro e nei pressi della stazione ferroviaria con fermata a meno di 100 metri, la Città Metropolitana otterrà grandi vantaggi in termini di risparmio finanziario a medio termine, avendo l’attuale sede gli oneri di locazione passiva più alti di tutte le scuole metropolitane non di proprietà (all’incirca 500mila euro l'anno). Tale taglio comporterà maggiori spazi finanziari da destinare sempre alle scuole metropolitane. Ritengo, infine, questo un altro impegno programmato e mantenuto, un importante risultato raggiunto dall’ amministrazione metropolitana di Decaro che ha posto al primo posto del nuovo corso la tutela del diritto allo studio e quindi la sicurezza delle nostre scuole superiori metropolitane”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento