rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Polignano a Mare

Morta in casa a Polignano, del caso si era occupato 'Chi l'ha visto': "Paola poteva essere salvata"

La vicenda della 31enne morta in casa: tempo fa, raccogliendo una segnalazione, un inviato della trasmissione si era recato sul posto, ma i genitori avevano negato qualsiasi problema

Soltanto qualche mese, durante l'estate, un inviato della trasmissione 'Chi l'ha visto', dopo una segnalazione, si era recato a Polignano per cercare di incontrare Paola, la 31enne poi  morta, lo scorso 6 gennaio, nella sua abitazione.

Così ieri sera, il programma condotto da Federica Sciarelli è tornato sul caso, rimandando in onda l'intervista in cui i genitori di Paola, ai microfoni del giornalista, negavano qualsiasi difficoltà, rifiutandosi di fargli incontrare la ragazza. "Paola sta bene, vi hanno dato un'informazione sbagliata. Esce quando è necessario uscire. Con gli amici si sentono per telefono".

La giovane, stando a quanto emerso, non usciva dalla sua abitazione da 14 anni e i genitori, che avevano rifiutato l'assistenza dei servizi sociali, risultano oggi indagati per abbandono di incapace aggravato dalla morte.  "Paola poteva essere salvata, la sua morte è una nostra sconfitta", ha detto con amarezza Federica Sciarelli, "E' un fallimento di tutti".

L'autopsia dovrà confermare le condizioni di grave denutrizione e debilitazione della ragazza, che sarebbe stata trovata in condizioni igieniche precarie.

Fino a 17 anni, la ragazza aveva frequentato scuola e amici. Poi la decisione di interrompere gli studi, al quinto anno. A rivolgersi alla trasmissione è stata un'amica, che aveva provato a mantenere i contatti con lei, telefonandole o andandola a trovare, ma non aveva avuto più sue notizie.

(La notizia su Today.it)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morta in casa a Polignano, del caso si era occupato 'Chi l'ha visto': "Paola poteva essere salvata"

BariToday è in caricamento