Cronaca

Caso Straccia, l'autopsia esclude l'omicidio. Probabile l'archiviazione

Nessun segno di violenza sul corpo dello studente marchigiano, scomparso a Pescara e ritrovato sul lungomare di San Girolamo lo scorso 7 gennaio: gli esiti dell'esame autoptico escluderebbero la pista dell'omicidio

Nessun segno di violenza sul corpo di Roberto Straccia, lo studente marchigiano scomparso a Pescara lo scorso 14 dicembre, il cui corpo fu ritrovato sul lungomare di San Girolamo lo scorso 7 gennaio. Gli esiti dell'esame autoptico, che per il momento non sono ancora stati ufficialmente trasmessi alla Procura di Pescara sembrebbero escludere la pista dell'omicidio.

Il giovane, infatti, sarebbe morto per annegamento lo stesso giorno della scomparsa, anche se - secondo gli esperti - sarà praticamente impossibile stabilire se il ragazzo sia stato volontariamente spinto in acqua o vi sia caduto accidentalmente. In assenza di ipotesi di reato la Procura pescarese procederà all'archiviazione del fascicolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Straccia, l'autopsia esclude l'omicidio. Probabile l'archiviazione

BariToday è in caricamento