Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Castellana Grotte

Imbrattata con scritte spray, la chiesetta rupestre torna all'antica bellezza: a Castellana ripulito il tempietto di San Bartolomeo

La costruzione nelle campagne alla periferia della cittadina era stata vandalizzata (e il responsabile identificato). In questi giorni, dopo le necessarie autorizzazioni della Soprintendenza, si sono conclusi gli interventi di recupero

Il Tempietto di San Bartolomeo di Padola, in strada comunale Ciampacotta, a Castellana Grotte, torna finalmente a splendere. Deturpato con graffiti e scritte spray nell'estate 2017, l'edificio è stato oggetto ieri mattina di importanti interventi di pulizia e ripristino. 

All’epoca - ricorda in una nota il Comune di Castellana - fu il Ce.Ri.Ca. (Centro di Ricerche Castellanesi) a segnalare all’Amministrazione comunale la comparsa di vernice spray sulle pareti esterne della chiesetta bizantina. Il Comune prontamente sporse denuncia presso la locale caserma dei carabinieri ed i militari identificarono l’autore del danno al patrimonio pubblico, un minorenne castellanese. I genitori del ragazzo si offrirono di farsi carico delle spese di ripristino ma, essendo il Tempietto un bene sottoposto alla vigilanza e tutela della Soprintendenza ai Beni Culturali e Paesaggistici, l’iter ha richiesto autorizzazioni e passaggi amministrativi lunghi e complessi. Il progetto di pulizia e recupero è stato affidato ad una ditta specializzata ed accreditata presso la Soprintendenza. Approvato il progetto, la ditta ha effettuato i dovuti sopralluoghi ed infine eseguito ieri, mercoledì 11 agosto 2021, l’intervento di pulizia e ripristino del luogo.

“Il recupero del monumento ed il ripristino delle sue condizioni originarie – sottolinea il primo cittadino di Castellana Grotte, Francesco De Ruvo - è avvenuto in tempi piuttosto lunghi perché trattandosi di un bene pregevole da un punto di vista storico ed architettonico la burocrazia ha giocato la sua parte. In ogni caso, quanto avvenuto è un monito affinché ci sia amore, rispetto e senso civico di fronte ai beni pubblici che sono anche di grande valore storico come nel caso del Tempietto di San Bartolomeo. Speriamo che episodi del genere non si ripetano più e che la comunità castellanese sia fiera del proprio patrimonio culturale e sappia proteggerlo sempre”. 

“Sono estremamente contento di quel che è avvenuto quest’oggi. – Commenta l’Assessore al Patrimonio del Comune di Castellana Grotte, Vanni Sansonetti - Un bellissimo tempietto bizantino, fra i monumenti più importanti e storici del nostro territorio, finalmente è tornato al suo antico splendore”.

Il Tempietto di San Bartolomeo di Padula, o meglio “de palude” per la palude che contraddistingueva all’epoca il luogo in cui sorge, è un vero gioiello storico del territorio castellanese. Si trova in aperta campagna, precisamente a 5 chilometri dal centro cittadino di Castellana, e le fonti fanno risalire la sua costruzione persino all’anno mille. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imbrattata con scritte spray, la chiesetta rupestre torna all'antica bellezza: a Castellana ripulito il tempietto di San Bartolomeo

BariToday è in caricamento