Cronaca Bitonto

400 chili di cavi di rame in un deposito di rottami: due denunce a Bitonto

Nei guai i titolari dell'attività, una donna di 44 anni e un uomo di 33, ritenuti responsabili di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi

Martedì mattina, a Bitonto, la Polizia di Stato ha indagato in stato di libertà due persone, una donna di 44 anni ed un uomo di 33 anni, entrambi incensurati, ritenuti responsabili di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi.

Nell’ambito di specifici controlli per contrastare il fenomeno dei furti di rame perpetrati a danno di reti ferroviarie, di energia elettrica e telecomunicazioni, agenti del Compartimento di Polizia Ferroviaria di Bari, insieme agli uomini del Corpo Forestale dello Stato, hanno effettuato un controllo all’interno di deposito di rottami a Bitonto.

Durante l’attività i poliziotti hanno rinvenuto 406 chili di cavi di rame, detenuti illecitamente, in violazione delle norme vigenti in materia di gestione di rifiuti. Il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro ed i titolari dell’attività sono stati denunciati.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

400 chili di cavi di rame in un deposito di rottami: due denunce a Bitonto

BariToday è in caricamento