menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ceglie ha la sua nuova piazza Diaz: panchine, giostrine e alberi prendono il posto di auto e cemento

La piazzetta a ridosso del centro storico dell'ex frazione torna fruibile, dopo i lavori avviati a maggio 2019 e rallentati dalla scoperta di cisterne sotterranee risalenti all'Ottocento, che ha reso necessaria una revisione del progetto

Dove un tempo c'era la vecchia struttura in cemento che ospitava gli operatori del mercato, oggi c'è una piazzetta riqualificata. Piazza Diaz, a Ceglie, mostra (finalmente) il suo nuovo volto. Quell'area a lungo abbandonata, negli anni utilizzata come parcheggio e spesso diventata anche luogo di abbandono di rifiuti, riapre ai cittadini del quartiere dopo i lavori di restyling. Un cantiere, avviato a maggio 2019, che nei mesi ha subito stop e rallentamenti, legati in particolare alla scoperta, a pochi giorni dall'avvio dei lavori, di due cisterne sotterranee risalenti all'Ottocento. Un ritrovamento importante, che ha reso necessario l'intervento della Soprintendenza per le verifiche del caso, e alcune modifiche al progetto.

Dei vani ipogei sottostanti, la nuova piazza reca traccia nella pavimentazione, che ha visto in parte il recupero delle antiche basole originarie, "che raffigurano con la loro disposizione - spiega il sindaco Decaro - la geometria delle cisterne rinvenute". Ma è prevista anche, a breve, l'installazione di un totem informativo, per segnalare la presenza delle cisterne e raccontarne la storia, riproducendo anche il particolare rilievo rinvenuto su una delle due vasche. Inoltre, in fase di cantiere, è stata realizzata una botola per consentire future ispezioni dell'ambiente sotterraneo. "Si tratta di una botola a scomparsa con un rivestimento in pietra. Non è stata murata, ma integrata nel resto della pavimentazione e quindi mascherata", spiega la presidente del Municipio IV, Grazia Albergo, rispondendo alle perplessità espresse da alcuni cittadini circa l'effettiva presenza dell'accesso alle cisterne. 

Il progetto ha visto la piantumazione di sei alberi, l'installazione di arredi (otto panchine, cestini porta rifiuti, rastrelliere per le bici), la realizzazione di un impianto di illuminazione a led e di una piccola area giochi con tappeto antitrauma. Su uno dei lati della piazza sono stati mantenuti tre posti auto, uno dei quali - assicura la presidente del Municipio IV - verrà destinato al carico e scarico per le attività commerciali della zona: "Sono già state presentate tutte le richieste e a breve si procederà con la segnaletica". 

"Un piccolo spazio dove incontrarsi, conoscerci e far giocare i bambini che abitano in questo quartiere - commenta Decaro - Penseremo che non è una grande opera pubblica né un investimento milionario eppure io sono sempre più convinto che una grande città come la nostra abbia bisogno anche e soprattutto di questi piccoli interventi diffusi, che restituiscono dignità ai luoghi in cui vivono i cittadini dei nostri quartieri".

"Non abbiamo soltanto restituito questa piazza alla comunità - sottolinea la presidente Albergo - ma al tempo stesso abbiamo anche aggiunto bellezza al Municipio". "Grazie alle consigliere e ai consiglieri che hanno seguito con attenzione l’iter dei lavori e grazie a tutte le cittadine e a tutti i cittadini che da oggi in poi si prenderanno cura di questo nuovo spazio, vivendolo con rispetto".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento