Cronaca

Centri estivi comunali di Bari, online la graduatoria dei 39 progetti finanziati

L'assessora Paola Romano: "Questa misura rappresenta un sostegno importante sia per i bambini e per la loro attività educativa, sia per le esigenze di conciliazione vita-lavoro delle famiglie"

Sono stati ammessi a finanziamento tutti i 39 progetti presentati. Il Comune di Bari ha pubblicato, sul suo sito istituzionale, la graduatoria aggiornata relativa all’avviso per la raccolta di proposte da inserire nell’elenco dei Centri estivi 2024.

I soggetti promotori presenti in graduatoria sono ora ammessi e finanziabili, grazie alla delibera, approvata lo scorso 11 giugno dalla Giunta comunale, di rimodulazione della programmazione degli interventi del POC Metro 2014-20 con la quale altri 300mila euro si sono aggiunti ai 350mila euro inizialmente stanziati nell’aprile scorso, sempre a valere sul POC Metro.

Questo ulteriore stanziamento, che ha portato la dotazione finanziaria a disposizione dell’intervento a complessivi 650mila euro, è stato deliberato in attesa degli esiti dell’avviso del Dipartimento Politiche della famiglia dedicato ai Comuni interessati ad accedere ai finanziamenti previsti per il funzionamento dei Centri estivi per minori. L’elenco dei proponenti non ammessi è, invece, consultabile presso la ripartizione Politiche Educative e Giovanili - via Venezia 41, II piano.

"Ormai per il quinto anno consecutivo, con questo avviso stiamo sostenendo le attività estive rivolte ai bambini e ai ragazzi della nostra città, provenienti da famiglie fragili o con disabilità - commenta l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano - Quest’anno abbiamo scelto di sostenere tutte le proposte che ci sono arrivate e che sono state giudicate ammissibili, proprio perché riteniamo che questa misura rappresenti un sostegno importante: sia per i bambini e per la loro attività educativa, sia per le esigenze di conciliazione vita-lavoro delle famiglie".

In linea con le annualità precedenti, l’avviso è, infatti, finalizzato al sostegno della conciliazione vita-lavoro, con particolare attenzione per le famiglie più vulnerabili della città di Bari, e alla gestione diurna dei figli minori di età compresa tra 3 e 17 anni, favorendo la loro frequentazione a corsi ed attività estive diurne.

Per sostenere lo svolgimento delle attività estive, il Comune ha accolto richieste di iscrizione nell’elenco comunale dei Centri estivi della Città di Bari, riconoscendo ai promotori un sostegno economico, in forma di contributo, per garantire un certo numero di posti da destinare a minori. Il procedimento prevede un importo massimo erogabile per ciascun soggetto che proponga attività di Centro estivo pari a 15mila euro.

Beneficiari dell'intervento sono minori, nella fascia d’età 3-17 anni, residenti nel Comune di Bari, appartenenti a famiglie con reddito Isee in corso di validità pari o inferiore a 25mila euro. La soglia reddituale Isee non si applica in caso di iscritti con disabilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi comunali di Bari, online la graduatoria dei 39 progetti finanziati
BariToday è in caricamento