rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Picone / Piazza Giulio Cesare

Al Policlinico nasce il Centro Regionale di Riferimento Disforia di Genere: "Passo importante dopo 18 anni di sperimentazione"

Il provvedimento della Giunta regionale vuole così istituzionalizzare la struttura che fu istituita dalla Regione nel 2003 nell'Unità operativa complessa di Psichiatria Universitaria dell'ospedale barese, dando un nuovo modello organizzativo

Istituito ufficialmente il Centro Regionale di Riferimento Disforia di Genere al Policlinico di Bari. Il provvedimento approvato oggi dall Giunta regionale vuole così istituzionalizzare la struttura che fu istituita dalla Regione nel 2003 nell'Unità operativa complessa di Psichiatria Universitaria dell'ospedale barese, diretta dal Prof. Bertolino.

La Giunta vuole così superare il modello organizzativo progettuale, oltre che la sua denominazione originaria (“Day Hospital per i Disturbi dell’identità di genere”), per l’affermazione del diritto alla salute e del benessere di tutti e tutte, contrastando stigmi e discriminazioni.  Nel corso degli anni il Day Hospital per la Disforia di genere, ha rappresentato una realtà consolidata in tutto il meridione, oltre ad essere già Centro di riferimento Nazionale riconosciuto dall’Osservatorio Nazionale sull’Identità di Genere (ONIG), nonché unico Centro regionale con autorizzazione a erogare Piani Terapeutici attraverso Terapia Ormonale Sostitutiva a carico del SSR, come da Nota AIFA del settembre 2020.

La DGR redatta dal Dipartimento Salute e benessere della Regione Puglia, frutto dell’istruttoria coordinata dal Direttore Vito Montanaro e la dirigente della sezione Strategie e governo dell’offerta Dott.ssa Antonella Caroli, con il supporto della Consigliera del Presidente per l’attuazione del programma di governo on.Titti De Simone ha la finalità di creare una rete esperta, che ricomprenda tutte le risposte previste dal percorso clinico assistenziale, e che, anche attraverso una formazione specifica, possa costituire sempre più un punto di riferimento dove le persone e le famiglie possano trovare risposte alle problematiche che si trovano ad affrontare dal punto di vista clinico e sociale; potenziare la capacità di risposta del sistema sanitario regionale favorendo la collaborazione inter-organizzativa tra i diversi servizi coinvolti.

Il nuovo modello organizzativo consentirà una stabilità e continuità del servizio, oltre la scadenza progettuale in cui era finora configurata, alla luce della crescente domanda assistenziale, determinatasi a livello regionale ed extraregionale, della necessità di ridurre la mobilità passiva determinatasi, anche con riferimento alla attività assistenziale in esame e della necessità di sviluppare ulteriormente l’attività svolta dalla U.O. di Psichiatria dell’Azienda Ospedaliero Consorziale Policlinico di Bari, garantendo la reale presa in carico dell’utenza, attraverso i vari setting assistenziali (ricovero, day-hospital/day-surgery, day serivce, specialistica ambulatoriale) nonché l’erogazione dell’intervento chirurgico.

Inoltre, attraverso il nuovo modello organizzativo sarà possibile perseguire i seguenti obiettivi:

• sostenere le situazioni di disagio incontrato dalle persone direttamente o indirettamente coinvolte nelle problematiche riguardanti l’identità di genere, rispondendo sia alle esigenze dei singoli, che delle famiglie

• migliorare la qualità e la sicurezza delle risposte del SSR alle problematiche connesse all'identità di genere attraverso un’efficace collaborazione ed un costante confronto tecnico professionale tra i diversi servizi coinvolti

• migliorare la comunicazione nei confronti della popolazione su ruolo ed identità di genere, in modo da favorire un atteggiamento consapevole nei diversi contesti di vita;

• individuare l’intero percorso assistenziale, con il supporto di tutte le Unità operative coinvolte, fino all’intervento chirurgico, precisando inoltre che tutte le strutture direttamente impegnate nel percorso, sia in ambito medico che chirurgico, delle aziende coinvolte, operano in stretta sinergia;

• garantire le prestazioni sanitarie nei vari setting assistenziali: specialistica ambulatoriale, day- service, day- hospital/day- surgery, ricovero

L’attività del “Centro Regionale di Riferimento Disforia di Genere” del Policlinico di Bari, considerata la rilevanza dell’attività svolta, è da intendersi quale attività “istituzionale" e non già attività progettuale, di riferimento regionale ed interregionale, a partire dalla necessità di approcciare in maniera sistematica la problematica istituendo una funzione di coordinamento a livello regionale tra i diversi servizi coinvolti nella informazione, formazione, supporto psicologico e counseling, diagnosi e trattamento della Disforia di Genere e nel sostegno alle famiglie.

Per lo svolgimento dell’attività in questione è prevista un potenziamento della dotazione organica minima, quale 2 dirigenti psicologi; e 2 dirigenti medici psichiatri.

“In Puglia – ha commentato il Presidente Michele Emiliano –vogliamo tutelare la salute ed il benessere di tutti e di tutte, rimuovendo come dice l’articolo 3 della Costituzione, gli ostacoli ancora esistenti anche in termini culturali e non solo strutturali, al pieno sviluppo della persona umana, senza alcuna distinzione. “

“Questo centro regionale, dopo 18 anni di sperimentazione, è un passo importante-commenta Titti De Simone, consigliera del Presidente per l’attuazione del programma di governo- che proseguirà anche con il tavolo tecnico sulla medicina di genere che avvieremo a breve insieme al Dipartimento, nel solco dell’attuazione dell’Agenda di genere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Policlinico nasce il Centro Regionale di Riferimento Disforia di Genere: "Passo importante dopo 18 anni di sperimentazione"

BariToday è in caricamento