Presunte avances dal professore a due studentesse di Giurisprudenza, la Procura chiude le indagini

Indagati il direttore pro tempore della Facoltà, per cui è stata richiesta l'archiviazione per il reato di omessa denuncia, e un docente di Diritto privato, denunciato dalle ragazze per i presunti approcci

Richiesta di archiviazione per l'omessa denuncia per le presunte avances ai danni di alcune ragazze iscritte alla Facoltà di Giurisprudenza di Bari da parte di un professore associato di Diritto Privato. Sarà questo l'atto conclusivo, come spiegato dalla Gazzetta del Mezzogiorno, della prima parte dell'inchiesta che vede indagato il direttore pro tempore Massimo Di Rienzo, che secondo l'accusa avrebbe 'coperto', rimanendo in silenzio, i presunti ricatti di natura sessuale di Fabrizio Volpe nei confronti di due studentesse universitarie.

Il sostituto procuratore Marco D'Agostino ha chiesto al gip l'archiviazione per Di Rienzo, ritenendo che non abbia tenuto condotte omissive rispetto ai presunti abusi commessi da Volpe in danno di un'universitaria. Secondo il magistrato, invece, l'allora direttore, una volta appreso della denuncia della studentessa nei confronti del professore di Diritto privato, "si sarebbe attivato per reperire un minimo riscontro a eventuali condotte penalmente rilevanti di un suo docente".

Secondo quanto riportato dal quotidiano, Di Rienzo avrebbe cercato informazioni sulla veridicità dei fatti denunciati dagli altri professori della facoltà, disponendo poi un doppio tutoraggio nei confronti della ragazza in vista dell'esame da sostenere. Secondo quanto dichiarato da una delle due studentesse, il docente l'avrebbe bocciata al suo esame dopo il suo rifiuto alle sue avances, avvenute nel 2011 durante un colloquio pre esame nella sua stanza di Dipartimento. Fatto denunciato dalla ragazza diversi anni dopo il presunto approccio, dopo il tentativo fallito di superare l'esame di Diritto privato. Oltre alla prima studentessa, nel corso delle indagini i carabinieri raccolsero anche altre testimonianze, che raccontarono di strani comportamenti del docente. Il pm che per primo coordinò le indagini, Antonino Lupo, chiese per tre volte l'archiviazione della posizione di Volpe e il gip Roberto Oliveri del Castillo ha respinto tali richieste. Fino alla conclusione delle indagini firmata dal pm Marco D'Agostino, dopo la quale Volpe avrà di nuovo modo di ribadire la più volte manifestata estraneità ai fatti contestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

  • Covid a Bari, positivi sopra quota 3100: più di 4200 i cittadini in isolamento domiciliare

Torna su
BariToday è in caricamento