rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Giovinazzo

Crescono i casi Covid a Giovinazzo, stop al mercato settimanale e piazze del centro chiuse in anticipo

La decisione del sindaco De Palma dopo la riunione del Coc. Il divieto varrà dalle 16 alle 22 nei giorni feriali e per tutta la giornata nei giorni festivi

Stop al mercato settimanale e chiusura anticipata delle piazze a Giovinazzo. È la decisione del sindaco Tommaso Depalma, seguita all'aumentod dei casi Covid nel comune barese, dove attualmente ci sono 123 positivi. Il primo cittadino ha emanato l'ordinanza in seguito alla riunione del Comitato per l'ordine cittadino odierno, disponendno che da venerdì prossimo (20 novembre) il mercato settimanale sia sospeso; decisione approvata anche dalle organizzazioni di categoria, vista la fase critica del contagio.

Sempre da venerdì saranno poi chiuse al pubblico dalle 16 alle 22 nei giorni feriali e per tutta la settimana nei giorni festivi alcune piazze del centro. In particolare il divieto riguarderà piazza Leichhardt; piazzale dell’Aeronautica; piazza Cairoli; piazza Don Tonino Bello; piazza Sicolo; piazza Ten. Devenuto; piazza Porto; via Papa Giovanni XXIII° (Pronto Soccorso); piazza San Salvatore; piazza Meschino; piazza Baden Powell; piazza delle Rimembranze; piazza Kennedy. 

Polizia locale e carabinieri, che hanno partecipato al Coc, vigileranno sul divieto sanzionando i trasgressori dell’ordinanza. "Le scene che abbiamo visto nell’ultimo week-end sono allarmanti e l’invito al buon senso non basta più- dichiara il sindaco Depalma - La situazione della nostra sanità è critica, ognuno deve pensare che il virus può arrivare facilmente a tutti, anche alle persone più deboli che ci sono care. Va da sé che il messaggio di questa ordinanza è: restate a casa, soprattutto nel week-end, e uscite solo per incombenze indispensabili". Il primo cittadino ha fatto anche un appello ai cittadini: "Quanti hanno una bombola di ossigeno non più in uso la riportino quanto prima in farmacia. È fondamentale per quanti stanno seguendo la terapia a casa. Rinnovo l’invito a quanti sono in oggettiva difficoltà e in assenza di rete familiare a contattare il numero per le consegne di emergenza di alimenti e farmaci. Il numero da chiamare è 0803385737, premere il tasto 3 (Sermolfetta). Siamo al lavoro a nuovi interventi di protezione sociale per quanti sono in difficoltà. A breve emaneremo nuovi avvisi pubblici. Nel frattempo, stiamo collaborando con la ASL su alcune questioni di questa emergenza. Abbiamo deliberato di concedere la sala San Felice per effettuare i test rapidi (antigenici) così da non creare situazioni di promiscuità negli studi dei nostri medici di base. Siamo anche al lavoro per dare una sistemazione alle USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziali) che si occuperanno al meglio dei casi positivi a domicilio. Daremo maggiori ragguagli nei prossimi giorni. Intanto, atteniamoci alle regole, agiamo come comunità responsabile e anche questa volta supereremo le difficoltà”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescono i casi Covid a Giovinazzo, stop al mercato settimanale e piazze del centro chiuse in anticipo

BariToday è in caricamento