Cronaca Carbonara / Via Ospedale di Venere

Di Venere, cittadini in assemblea contro lo smantellamento

A Carbonara l'incontro organizzato dalla IV Circoscrizione per discutere del piano di riorganizzazione del nosocomio varato dalla Regione che - attacca il comitato per la tutela dell'ospedale - rischia di tradursi in un vero e proprio "smantellamento"

Cittadini in assemblea a Carbonara per discutere del futuro dell'ospedale Di Venere. In tanti hanno partecipato ieri all'incontro organizzato dalla IV Circoscrizione e dal "Comitato per la difesa del Di Venere" per fare il punto sul piano di 'riorganizzazione' del nosocomio carbonarese varato dalla Regione.

Al centro del dibattito, in particolare, la chiusura di alcuni reparti e il taglio dei posti letto che, a detta del Comitato promotore dell'incontro, rischiano di trasformare la riorganizzazione in un vero e proprio smantellamento dell'ospedale. Oltre al taglio di 56 posti letto già subito negli ultimi due anni, pesa la chiusura del reparto di Anatomia e istologia patologica, dopo trent'anni trasferito all'ospedale San Paolo. "Perchè - si chiedono gli esponenti del Comitato - dopo anni di attività ora si pensa che efficienza e qualità in quel reparto possano essere garantiti meglio al San Paolo che non al Di Venere?".

Oltre alla questione del trasferimento di Anatomia Patologica - contro il quale il comitato ha annunciato ricorso al Tar - resta anche quella di sette posti da primario ancora scoperti. Tre, come promesso in un incontro in Regione svolto a novembre, dovrebbero essere coperti subito attraverso una procedura di mobilità interna alla Asl, mentre altri quattro, sempre secondo quanto convenuto in quell'incontro, dovrebbero essere assegnati con ulteriori deroghe al blocco delle assunzioni.

Il Comitato è dunque tornato a chiedere risposte in tempi brevi, contestando al contempo le scelte dell'assessore regionale alle Politiche della Salute Attolini, la cui assenza all'incontro - insieme a quella di Vendola - non è passata inosservata. Tra i politici presenti, invece, oltre ai rappresentanti della IV Circoscrizione, il capogruppo Pd alla Regione Antonio Decaro e il senatore Pdl Luigi D'Ambrosio Lettieri. "Sostengo con forza, e non da oggi, - sottolineato D'Ambrosio Lettieri, rimarcando l'assenza di Vendola e Attolini - le ragioni del Comitato che intende contrastare lo smantellamento di un presidio sanitario importante come il Di Venere di Carbonara, il cui depotenziamento ad opera della Regione Puglia arrecherebbe grave pregiudizio alle esigenze di cura e prevenzione che interessano una fetta significativa di popolazione. Che non si limita a quella della circoscrizione di Carbonara, Ceglie e Loseto. La comunità merita rispetto e attenzione. E risposte".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Venere, cittadini in assemblea contro lo smantellamento

BariToday è in caricamento