Cronaca Terlizzi

Sanità, il piano di riordino fa discutere: protesta contro la chiusura degli ospedali

Nel barese previsto lo smantellamento dei nosocomi di Terlizzi e Triggiano. E monta la protesta: i sindaci contestano il piano regionale, i cittadini si mobilitano sui social

Nove ospedali destinati alla chiusura su tutto il territorio regionale, e nei Comuni interessati dagli annunciati tagli monta già la protesta. La bozza del piano di riordino presentata venerdì scorso da Emiliano e Gorgoni scatena le proteste di amministrazioni e cittadini destinati a subire lo smantellamento dei proprio presidi ospedalieri. In provincia di Bari i nosocomi passeranno da 12 a 10, con la probabile chiusura degli ospedali di Terlizzi e Triggiano. 

"Sono ovviamente contrario alla chiusura dell'Ospedale - commenta sulla sua pagina Facebook il sindaco di Terlizzi, Ninni Gemmato - ma sono contrario anche alla previsione del riordino dello scorso dicembre di declassamento del nosocomio a presidio di lungodegenza, post acuti e riabilitazioni". "A fronte dei diversi milioni di euro spesi negli ultimi anni dalla Regione per migliorare una struttura che oggi sembra vogliano chiudere, da tre anni e mezzo - sottolinea Gemmato - resta inattuata la deliberazione di Giunta Regionale che prevedeva la costruzione dell’Ospedale del Nord Barese che servirebbe le Comunità di Terlizzi, Molfetta, Bisceglie e dei paesi limitrofi. L'Ospedale "di comprensorio" risolverebbe ogni problema, ottimizzando peraltro i livelli di assistenza attualmente garantiti dislocando l'offerta di servizi ospedalieri in tre sedi (Corato, Molfetta e Tetlizzi). Spero che il Presidente Emiliano e tutta l'Amministrazione Regionale si rendano conto che ogni ipotesi di ulteriore depotenziamento dell’Ospedale Michele Sarcone sarebbe una ferita al diritto alla Salute di tutti i cittadini, non solo dei terlizzesi".

A Triggiano il sindaco si dice sorpreso della decisione della Regione, mentre su Facebook è già partita la mobilitazione dei cittadini, con una pagina, "Ospedale Fallacara - Noi Ci Siamo, No Alla Chiusura", che nel giro di un paio di giorni ha già raccolto più di 2500 adesioni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, il piano di riordino fa discutere: protesta contro la chiusura degli ospedali

BariToday è in caricamento