Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Madonnella / Via Emanuele Mola

Madonnella, chiude al traffico il passaggio a livello di via Emanuele Mola

Al via da domani i lavori di Rfi per la realizzazione di un sottopasso ciclopedonale, dotato di rampe, scale e ascensore, che collegherà via Giuseppe Capruzzi e via Dieta di Bari

Chiude al traffico da domani il passaggio a livello di via Emanuele Mola. Prenderanno il via infatti i lavori per la realizzazione del sottopasso ciclopedonale, dotato di rampe, scale e ascensore, che collegherà via Giuseppe Capruzzi e via Dieta di Bari. L’intervento, realizzato d’intesa tra l’amministrazione comunale e RFI, rientra nel più ampio programma nazionale di rimozione dei passaggi a livello dalle aree abitate e dai centri cittadini al fine di garantire più sicurezza e migliorare la viabilità complessiva delle aree urbane.

I lavori, dell'importo di circa un milione di euro, dovrebbero essere completati entro il 2014 e saranno realizzati in due fasi. La prima, a cura di Rete Ferroviaria Italiana,  prevede la costruzione di una rampa ciclopedonale e di scale su via Dieta di Bari e la realizzazione di un’uscita su via Tunisi tramite rampe di scale e ascensore. La seconda fase, a cura del Comune di Bari, prevede la realizzazione della rampa ciclopedonale di uscita su via Giuseppe Capruzzi.

Da domani gli automobilisti dovranno quindi utilizzare il sottopassaggio di piazza Luigi di Savoia, percorribile in entrambi i sensi di marcia, mentre per i pedoni il passaggio a livello sarà ancora percorribile fino alla realizzazione del sottopasso ciclopedonale tra via Giuseppe Capruzzi e via Dieta di Bari.

Intanto ieri Comune di Bari e Regione hanno presentato il piano per la soppressione dei passaggi a livello nella zona nord di Bari, in attesa dell'interramento dei binari. “L’Amministrazione comunale ha dato un indirizzo chiaro, nella zona nord di Bari i binari vanno interrati. Nell’attesa saranno realizzati da RFI sottopassi e sovrappassi a tutela dell’incolumità di pedoni e ciclisti”. ha detto Emiliano. “Per procedere all’interramento del fascio di binari a nord di Bari - ha spiegato Emiliano - sono necessari 700 milioni di euro, a cui si aggiungono gli oneri espropriativi per 35 immobili da demolire. Mentre sono state già stanziate le risorse per lo spostamento dei binari a sud, come previsto dal nodo ferroviario, per il fascio a nord manca ancora la copertura finanziaria. Quindi, pur confermando l’indirizzo dell’Amministrazione comunale ad interrare i binari, si rendono necessarie delle opere temporanee, quali appunto sottopassi e sovrappassi, che garantiscano ad automobilisti, pedoni e ciclisti l’attraversamento dei binari in sicurezza. Pertanto RFI si è impegnata a realizzare tali opere entro il 2018, soddisfacendo l’esigenza primaria di salvaguardia della vita e della salute dei cittadini e mantenendo fermo, al tempo stesso, il progetto più ambizioso di interramento che ricucirà in maniera definitiva i quartieri divisi in due dalla ferrovia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Madonnella, chiude al traffico il passaggio a livello di via Emanuele Mola

BariToday è in caricamento