menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Circolo ricreativo aperto (nonostante il dpcm) e assembramenti senza mascherine: scattano le denunce

All'interno erano presenti diverse persone senza le mascherine, risultate anche senza regolare permesso di soggiorno. Il blitz è avvenuto venerdì scorso

Un circolo ricreativo attivo nonostante le normative anti Covid. A scoprirlo sono stati nella serata di venerdì gli agenti della polizia locale di Bari: all'interno della sede di un'associazione enogastronomica in corso Cavour si erano riunite 10 persone, tra cui il presidente della stessa associazione, tutti senza i dispositivi di protezione previsti dall'ultimo dpcm.

I successivi controlli della Locale hanno permesso di scoprire che i migranti presenti erano sprovvisti dei documenti previsti dal Testo unico Immigrazione e perciò sono stati portati al Comando di Japigia. Dopo le procedure di identificazione, in 9 sono stati denunciati per la mancanza di documenti che ne attestavano la regolare presenza in Italia e 4 anche per la posizione irregolare sul territorio nazionale. Contestate anche violazioni amministrative sia al presidente dell'associazione per l'apertura non permessa del circolo privato, sia  per il mancato utilizzo delle mascherine protettive, come previsto dalle norme anti Covid.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento