Clan Di Cosola, 18 arresti dopo le condanne definitive del processo 'Hinterland'

Le ordinanze di carcerazione eseguite dalla polizia a Bari e provincia, ma anche in altre città italiane, seguono la sentenza della Cassazione con cui le condanne sono diventate definitive. Le pene comprese tra uno e nove anni di reclusione

Diventano definitive le condanne emesse nell'ambito del processo 'Hinterland' al clan Di Cosola. Nella giornata di mercoledì, la polizia ha eseguito a Bari, in provincia, e in altra città italiane (Foggia, Taranto, Vicenza, Bologna e vasto), l'ordine di carcerazione nei confronti di 18 persone, condannate a pene che vanno dagli 1 ai 9 anni di reclusione con sentenza della Corte di Appello di Bari, divenuta definitiva con sentenza della Suprema Corte di Cassazione.

Il provvedimento rappresenta la conclusione del processo scaturito dall’operazione “Hinterland” portata a termine il 5 novembre del 2010 dalla Squadra Mobile di Bari, che portò in carcere 92 persone.

Nell’occasione, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, il Giudice per le Indagini preliminari contestò, a vario titolo, i reati di cui agli artt. 416 bis c.p. e 73 - 74 del D.P.R. 309/90, in quanto, dal 2007 al 2010, gli indagati avevano fatto parte di un’associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico ed alla commercializzazione al dettaglio di sostanze stupefacenti. Tutti gli indagati furono condannati, con pene diverse, sia in primo grado che in appello.

Gli ordini di carcerazione sono stati eseguiti nei confronti di:

- BARBETTA Stefano, di anni 44, condannato ad anni 9 di reclusione;
- DE GIROLAMO Fabio, di anni 28, condannato ad anni 1 e gg.17 di reclusione;
- MAGALETTI Sabino, di anni 42, condannato ad anni 4 e mesi 8 di reclusione;
- TERLIZZI Michele, di anni 31, condannato ad anni 1, mesi 8 e gg.16 di reclusione;
- FRACCALVIERI Luca, di anni 33, condannato ad anni 3, mesi 3 e gg. 5 di reclusione;
- DI PALO Corrado, di anni 39, condannato ad anni 5, mesi 9 e gg. 2 di reclusione;
- CHIUMARULO Vincenzo, di anni 32, condannato ad anni 2, mesi 8 e gg. 12 di reclusione;
- PAOLICELLI Leonardo, di anni 41, condannato ad anni 7 di reclusione;
- MANZIONNA Marino, di anni 33, condannato ad anni 1, mesi 2 e gg.24 di reclusione;
- PETROSINO Giovanni, di anni 45, condannato ad anni 6, mesi 1 e gg.24; di reclusione
- FOGGETTI Antonio, di anni 28, già detenuto, condannato ad anni 8 di reclusione;
- MANCINI Armando, di anni 29, già detenuto, condannato ad anni 2 di reclusione;
- CAFAGNA Francesco, di anni 40, già detenuto, condannato ad anni 7 mesi 1 e gg.25 di reclusione;
- DELLERMA Paolo, di anni 33, già detenuto, condannato ad anni 3 e mesi 6 di reclusione;
- DI COSOLA Antonio, di anni 62, già detenuto, condannato ad anni 2, mesi 7 e gg.23 di reclusione;
- ARMENISE Stefano, di anni 27, condannato ad anni 1, mesi 3 e gg.16 di reclusione;
- PICCININNI Donato, di anni 30, condannato ad anni 6, mesi 6 e gg. 29 di reclusione;
- RUBINI Nicola, di anni 34, condannato ad anni 3 di reclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante l’esecuzione del provvedimento, inoltre, sono stati arrestati, in flagranza di reato,  Corrado Di Palo, già destinatario di ordine di carcerazione, ed il figlio Nicola, di anni 20, responsabili di detenzione ai fini della commercializzazione di sostanze stupefacenti. La perquisizione presso la loro abitazione ha consentito di rinvenire e sequestrare 3 parallelepipedi contenenti complessivamente 295 grammi di hashish, 12 involucri contenenti 132,57 grammi di marijuana, 10 ovuli contenenti 103,50 grammi di hashish e ulteriori 6 involucri contenenti 51.56 grammi della stessa sostanza.
Sono stati inoltre sequestrati alcuni involucri, pronti per la commercializzazione, contenenti 6,38 grammi di cocaina e 0,41 grammi di eroina, custoditi all’interno di un singolare sistema di occultamento costituito da tre colli di bottiglie in plastica, con relativo tappo e con la parte inferiore chiusa da un magnete, attaccati sotto un autoclave.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

  • Contagi dopo festa di 18 anni, chiude scuola ad Altamura: "Inconcepibili party per ballare"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento