menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un immobile, auto, moto e 11 cavalli da corsa: confiscati beni a pregiudicato

Confisca definitiva eseguita dalla Finanza: nel mirino il patrimonio di Lorenzo Mizzi, 55 anni, ritenuto dagli investigatori vicino al clan Parisi

Beni del valore di circa 300mila euro sono stati confiscati dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria Bari al pregiudicato barese Lorenzo Mizzi, di 55 anni, su disposizione del Tribunale di Bari-Sezione III in funzione di Tribunale della Prevenzione. La confisca definitiva nasce da una proposta formulata nel 2011 dal Procuratore della Repubblica di Bari.

In particolare, si tratta di un immobile, un’autovettura e un motociclo, undici cavalli da corsa e un conto corrente, già sottoposti a sequestro nel 2012 - nella disponibilità del pregiudicato, "considerato - spiega una nota della Finanza - 'socialmente pericoloso' nell’accezione del codice antimafia, ovvero per la sua spiccata dedizione al crimine. Il pregiudicato barese, considerato vicino al clan “Parisi” di Bari, vanta numerosi e gravi precedenti penali e di polizia fin dal lontano 1983: furto, evasione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione, lesioni personali, in materia di armi e trasferimento fraudolento di beni e valori. Il medesimo è stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza di P.S. con obbligo di soggiorno, per la durata di anni due". 

Il provvedimento è scaturito dalle indagini eseguite dalle Fiamme Gialle, che avrebbero permesso di verificare una netta sproporzione tra i beni nella disponibilità del pregiudicato e la sua capacità economica ufficialmente dichiarata.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento