Cronaca

Racket sugli ingressi di migranti in Puglia: 8 africani in manette

Otto uomini, quattro libici e quattro egiziani, sono stati arrestati con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata a favorire l'ingresso in Italia di cittadini extracomunitari e violazioni al codice della navigazione

Sono scattati questa mattina gli arresti di otto uomini africani, quattro libici e quattro egiziani, autori e gestori di una vera e propria organizzazione irregolare di viaggi di migranti verso le coste italiane. L'accusa per gli otto uomini arrestati a Bari è di associazione per delinquere finalizzata a favorire l'ingresso in Italia di cittadini extracomunitari e violazioni al codice della navigazione . L'operazione è stata compiuta da agenti della squadra mobile della questura di Bari sulla base di indagini condotte dalla squadra mobile di Ragusa e coordinate dalla distrettuale antimafia di Catania. In particolare, si fa riferimento all'arrivo di un barcone giunto presso le nostre coste lo scorso giugno. Il peschereccio, partito dalla Libia con poco più di 20 passeggeri, si fermo nei pressi delle coste egiziane per caricare a bordo un centinaio di passeggeri. In seguito, raggiunte le acque italiane, gli occupanti del peschereccio venivano smistati su dei gommoni per rendere più agevole il raggiungimento delle coste nostrane finchè l'operazione fu bloccata dall'arrivo di alcune unità navali italiane che misero fine allo sbarco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racket sugli ingressi di migranti in Puglia: 8 africani in manette

BariToday è in caricamento