menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Xylella avanza verso nord: 60 ulivi colpiti tra Barese e Brindisino. Coldiretti: "Agire subito per bloccare il batterio"

Gli ultimi casi scoperti nel Monopolitano portano il presidente Savino Muraglia a chiedere un'azione rapida per evitare nuovi focolai nel Barese

Sono 60 in totale - 59 nella zona cuscinetto e uno al di fuori - gli ulivi colpiti dalla Xylella nel Barese e nel Brindisino: a fornire i dati dell'avanzamento verso nord del contagio - con un focolaio riscontrato nell'agro di Monopoli - è la Coldiretti, che in una nota sollecita all'azione rapida per evitare una nuova diffusione del batterio. "Come ripetutamente segnaliamo e denunciamo da anni - afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia - il monitoraggio degli ulivi non può essere esclusivamente visivo, perché la xylella è come il Covid, la malattia è asintomatica per un lasso di tempo imprecisato, per cui le piante appaiono sane alla vista. Per accertare la presenza della malattia nell'area a forte rischio vanno effettuati campionamenti e analisi anche di ulivi apparentemente sani, senza che sia ancora ben visibile alcun segno di disseccamento".

Secondo Muraglia "sarà ridemarcata l'area infetta, considerato che la presenza dell'ulivo infetto in area indenne farà salire la zona cuscinetto. Va fatto un ragionamento serio circa le misure da attuare, anche rispetto al nuovo regolamento comunitario che ha ridotto da 100 a 50 metri il raggio entro cui andrebbero tagliate anche le piante non infette da xylella fastidiosa e anche la riduzione dell'ampiezza della zona cuscinetto". Coldiretti ribadisce che l'avanzata è inarrestabile da sette anni, ovvero "dall'autunno del 2013, data in cui è stata accertata su un appezzamento di olivo a Gallipoli, la malattia si è estesa senza che venisse applicata una strategia efficace per fermare il contagio che, dopo aver fatto seccare gli ulivi leccesi, ha intaccato il patrimonio olivicolo di Brindisi e Taranto, fino ad arrivare in provincia di Bari". Il danno al patrimonio supera al momento 1,6 miliardi di euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento