Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Aggressione con calci, pugni e un casco da motociclista per un parcheggio: padre e figlio condannati

I giudici del Tribunale di Bari hanno comminato due anni di reclusione per i fatti avvenuti nel 2013. Vittime del pestaggio, due fratelli di 64 e 52 anni, mentre la loro anziana madre è stata spinta a terra

Condannati a due anni di reclusione (pena sospesa), Antonio e Danilo Midio, padre e figlio di 57 e 35 anni, per aver aggredito tre persone dopo un litigio a causa di un parcheggio. I giudici del Tribunale di Bari hanno contestato ai due le accuse di concorso in lesioni personali aggravate e minacce nei confronti di un'anziana di 86 anni e dei suoi due figli adulti (di 64 e 52 anni), avvenute l'8 agosto del 2013. Il diverbio tra vicini di casa sarebbe iniziato per un divieto di parcheggio sulla strada privata in via Giulio Petroni a Bari di pertinenza della famiglia delle vittime.

Prima sarebbe stato minacciato di morte dal 35enne uno dei due figli aggrediti, facendo con la mano il gesto della pistola e dicendo "stasera ti devo bucare". Poi con un casco da motociclista, calci e pugni, sarebbe stato picchiato l'altro fratello, riportando frattura del setto nasale e diverse lesioni in varie parti del corpo e infine, intervenuta per sedare la lite, l'anziana signora sarebbe stata strattonata e fatta cadere. Il Tribunale ha condannato i due imputati anche al risarcimento danni nei confronti delle vittime dell'aggressione, costituti parte civile e difesi dagli avvocati Luca Bruno e Vito Castiglione Minischetti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione con calci, pugni e un casco da motociclista per un parcheggio: padre e figlio condannati

BariToday è in caricamento