Spaccio di droga nella provincia, condannati nove pregiudicati: cade l'accusa di associazione mafiosa

Pene tra i 12 e i 4 anni per il sodalizio, finito agli arresti nel 2013, ritenuti vicini al clan dei Palermiti. assolto altri nove imputati "per non aver commesso il fatto" e prescritti i reati per altri tre

Nove condanne per traffico e spaccio di droga nei confronti di un sodalizio inizialmente ritenuto vicino al clan dei Palermiti di Bari, durante il processo in primo grado celebrato 12 anni dopo i fatti contestati. Il Tribunale di Bari ha condannato nove pregiudicati a pene tra i 12 e i 4 anni di reclusione, giudicando in tutti i casi però insussistente l'accusa di associazione mafiosa. I giudici del tribunale hanno assolto altri nove imputati, presunti spacciatori, "per non aver commesso il fatto" e dichiarato il non luogo a procedere per prescrizione dei reati nei confronti di altri tre.

Nell'ottobre 2013 gli imputati furono arrestati dalla Dda dopo le indagini tenutesi negli anni 2005-2006. Il gruppo criminale aveva ramificazioni nei comuni di Casamassima, Cellamare, Noci, Gioia del Colle, Acquaviva, Altamura e Triggiano e al vertice c'erano i pregiudicati Antonio Amodeo e Domenico De Iure, condannati entrambi alla pena di 12 anni di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • La Puglia 'promossa' da zona arancione a zona gialla (nonostante l'Iss contrario): c'è l'ordinanza del ministro Speranza

  • Nuovo Dpcm: verso lo stop a spostamenti dai Comuni per Natale e Capodanno, dal 21 viaggi tra regioni solo per rientro nella propria residenza

  • Il Dpcm di Conte: la Puglia è arancione (gialla sotto Natale). Si torna a scuola il 7 gennaio. "No non conviventi in casa"

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Stop agli spostamenti tra regioni dal 21 dicembre, comuni 'chiusi' a Natale e Capodanno: il governo approva il decreto

Torna su
BariToday è in caricamento