Cronaca

Uno scatto verso l'integrazione

Giovedì 11 dicembre 2014 alle ore 11 presso la Mediateca Regionale Pugliese l’organizzazione non governativa CTM (Cooperazione nei Territori del Mondo) e l’associazione INUIT lanciano il progetto “Uno scatto verso l’integrazione” finanziato dalla Regione Puglia. E' un progetto di integrazione sociale e riqualificazione ambientale che riguarderà un tratto di Corso Italia nel quartiere Libertà a Bari.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

COMUNICATO STAMPA

UNO SCATTO VERSO L'INTEGRAZIONE

Percorsi di comunicazione linguistica e visiva per l'inclusione sociale degli immigrati

La regione Puglia è da sempre stata un territorio interessato da fenomeni migratori. Secondo dati ISTAT, gli immigrati registrati il 1 gennaio 2013 sono stati 96.131 di cui 32.226 nella sola città di Bari. Spesso l'opinione pubblica tende a generalizzare fatti di cronaca o episodi di cui sono protagonisti i cittadini immigrati, omologando esperienze di vita, progetti e singole speranze, in un'unica categoria definita, il più delle volte, pericolosa e nociva.

L'organizzazione non governativa CTM (Cooperazione nei Territori del Mondo) e l'associazione INUIT con il progetto "UNO SCATTO VERSO L'INTEGRAZIONE" finanziato dalla Regione Puglia - Area Politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l'Innovazione - Servizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale - intendono invertire questa tendenza e offrire agli immigrati la possibilità di diventare attori protagonisti di azioni di riqualificazione urbana.

A partire da Gennaio 2015 verrà organizzato un laboratorio di italiano con approccio autobiografico e un corso di fotografia sociale per immigrati e baresi in condizioni di disagio. L'obiettivo è conoscersi e riscoprirsi attraverso l'uso della scrittura e dell'immagine, come esseri unici e irripetibili, portatori di storie e di valori.

Partendo dal vissuto dei partecipanti ai corsi, si produrranno fotografie che verranno affisse sotto i portici di Corso Italia, che mostrerà un volto del tutto nuovo, divenendo simbolo di scambio e di integrazione, piuttosto che di degrado e segregazione. L'affissione delle foto sarà preceduta da un'opera di riqualificazione portata avanti da un gruppo rappresentativo di cittadini italiani e stranieri interessati all'area.

Il percorso di inclusione "terminerà" con eventi di sensibilizzazione in cui verranno presentati tutti i prodotti del progetto, con l'auspicio di aprire nuove strade per l'integrazione partendo dalla conoscenza reciproca, dal rispetto e dalla cura dei luoghi comuni.

Affinché l'integrazione abbia un senso è indispensabile avviare un cambio di prospettiva: non si può rispettare l'altro se prima non lo si conosce.

La conferenza stampa si terrà giovedì 11 dicembre 2014 alle ore 11,00 presso la Mediateca Regionale Pugliese in via Giuseppe Zanardelli, 38 a Bari.

INTERVENGONO:

Chris RICHMOND NZI

FRONTEX - Senior Commissioner

EASO - Joint Operation Strategic Analyst

Matteo COLAMUSSI

Ferrovie Appulo Lucane - Presidente

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno scatto verso l'integrazione

BariToday è in caricamento