Cronaca

Usura, ricettazione, rapina e furto: confiscati beni per 4,5 milioni a 56enne, un 'piccolo impero' accumulato in 30 anni

Avrebbe “riciclato” i capitali illecitamente accumulati soprattutto attraverso l’acquisto di immobili. Il tutto nonostante dichiarasse al fisco un reddito medio di circa 4.700 euro annui

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Bari hanno eseguito un provvedimento di confisca di beni per circa 4,5 milioni di euro nei confronti di Antonio Livrieri 56enne di Corato, già noto alle forze dell'ordine e già condannato per delitti di usura, ricettazione, rapina e furto.

I beni ritenuti di illecita provenienza, già sequestrati nel mese di dicembre del 2019, sono ora stati definitivamente confiscati. Secondo gli inquirenti, in 30 anni l'uomo avrebbe costruito un 'piccolo impero', , acquisendo ben tredici unità immobiliari, dislocate tra i comuni di Corato, Bisceglie e Terlizzi, accumulando disponibilità finanziarie conservate su svariati conti correnti accesi presso otto diversi istituti di credito. La documentazione prodotta dai Carabinieri ha evidenziato come il 56enne, ritenuto dedito "alle più svariate attività delittuos"e sin dagli anni ’80, anche attraverso l’interposizione dei suoi stretti congiunti, avrebbe “riciclato” i capitali illecitamente accumulati soprattutto attraverso l’acquisto di immobili. Il tutto nonostante dichiarasse al fisco un reddito medio di circa 4.700 euro annui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usura, ricettazione, rapina e furto: confiscati beni per 4,5 milioni a 56enne, un 'piccolo impero' accumulato in 30 anni

BariToday è in caricamento