Conoscere per riconoscere: la campagna informativa sugli ordigni bellici inesplosi a Triggiano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

L’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra continua la sua campagna nazionale nelle scuole dal titolo “Conoscere per riconoscere”, iniziativa in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca incentrata sul pericolo degli ordigni bellici inesplosi che anche in Italia continuano a mietere vittime, causare incidenti e, nelle migliori delle ipotesi, procurare panico. 
Sono infatti in programma due incontri a Triggiano (Bari) con le scolaresche dell’istituto De Viti De Marco (via Don Vitangelo Dattoli), il 4 dicembre alle ore 11.00, e del Liceo Cartesio (via Don Vitangelo Dattoli), il 5 dicembre allo stesso orario, durante i quali sarà Giovanni Lafirenze, referente del dipartimento “ordigni bellici inesplosi” dell’Associazione e tecnico BCM, ad intervenire e ad illustrare l’attuale scenario.
Il tema, che di primo impatto può sembrare lontano, non è in realtà mai stato così attuale per il territorio pugliese, sede della 15a Forza Aerea Statunitense e protagonista, tra gli altri avvenimenti storici, del tragico bombardamento tedesco del 2 dicembre del 1943 a seguito del quale il porto di Bari è stato totalmente distrutto e di cui restano nell'area, ma non solo, una moltitudine di residuati potenzialmente pericolosi anche al giorno d’oggi.
Per maggiori informazioni: 349 8072709
Torna su
BariToday è in caricamento