Cronaca

Videosorveglianza in città, approvato il nuovo regolamento. Decaro: "Più sicurezza"

Il Consiglio comunale ha detto sì, all'unanimità, al testo: le telecamere potranno essere utilizzate contro atti criminosi ma anche a tutela di edifici pubblici, scuole e mezzi di trasporto comunali

Il Consiglio comunale di Bari ha approvato, con 27 voti su 27, il nuovo Regolamento cittadino sulla videosorveglianza: il provvedimento consente di definire i limiti e le modalità di raccolta, registrazione e conservazione delle immagini provenienti dalle telecamere digitali installate, nel rispetto del trattamento dei dati personali: “Voglio ringraziare tutti i consiglieri comunali e il presidente del Consiglio Pasquale Di Rella per il lavoro svolto questo pomeriggio in aula - ha affermato il sindaco Antonio Decaro -. L’approvazione all’unanimità di questo strumento molto importante per la città dimostra responsabilità e coerenza da parte di tutti i consiglieri che hanno votato a favore del nuovo regolamento per i sistemi di videosorveglianza. Questo atto ci permetterà di procedere più speditamente sui tanti fronti aperti per cui le telecamere possono davvero rappresentare un presidio fondamentale a tutela della sicurezza e della legalità”.

Il Regolamento approvato afferma che il trattamento dei dati personali, effettuato mediante l’attivazione dell’impianto di videosorveglianza nel territorio comunale, e gestito dal Corpo di Polizia Municipale, deve svolgersi "nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all’identità personale. Il sistema informativo e i programmi informatici - aggiunge il Comune - saranno configurati perciò in modo da ridurre al minimo l’utilizzo dei dati personali e di dati identificativi, così da escluderne il trattamento quando le finalità perseguite nei singoli casi possano essere raggiunte mediante dati anonimi o opportune modalità che permettano di identificare l’interessato solo in caso di effettiva necessità" tutelando la sicurezza urbana, i passeggeri dei mezzi di trasporto pubblico e del personale addetto, nonchè immobili di proprietà del Comune, tra cui edifici scolastici, con l'obiettivo, anche di prevenire atti di vandalismo.

Le telecamere consentiranno anche di svolgere attività di controllo ai danni di chi conferisce rifiuti in modo errato, per verificare il rispetto del Codice della Strada, per la promozione del turismo e a supporto delle attività di Protezione civile. Sono 474 gli occhi elettronici previsti dal nuovo sistema di videosorveglianza sul territorio di Bari: tra questi sono 219 i dispositivi dedicati alla sicurezza urbana, 7 le telecamere di controllo ai varchi della Ztl, 17 quelle previste per il controllo dell’abbandono selvaggio dei rifiuti, 37 i dispositivi di controllo sul corretto conferimento dei rifiuti, 122 destinati alla videosorveglianza degli edifici comunali e 72 al controllo degli edifici scolastici.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Videosorveglianza in città, approvato il nuovo regolamento. Decaro: "Più sicurezza"

BariToday è in caricamento