menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consulta comunale degli universitari, la protesta delle associazioni: "Cariche scadute, non può essere convocata"

La denuncia degli studenti di UP-Università Protagonista, Studenti Per, OPS-Obiettivo Professioni Sanitarie, New Team, MURO e UniVerso Studenti: "Dal Comune nessuna risposta, nonostante i chiarimenti chiesti"

Le rappresentanze all'interno della Consulta comunale degli Studenti universitari sono ormai scadute, e perciò la Consulta stessa non può più essere convocata, né è autorizzata a deliberare. A sottolineare la situazione sono, in una nota, i rappresentanti delle liste UP-Università Protagonista, Studenti Per, OPS-Obiettivo Professioni Sanitarie, New Team, MURO e UniVerso Studenti.

"Nonostante le diverse segnalazioni inviate alla SS. LL. nelle scorse settimane - si legge nel comunicato - con grande dispiacere i sottoscritti constatano la mancanza di risposte in merito a problematiche sollevate circa la recente convocazione della Consulta. Così come segnalato nelle precedenti note, alla data odierna l’Amministrazione Comunale consente a suo nome la convocazione di un Organo non più autorizzato a deliberare e la cui composizione è da tempo oramai compromessa, in quanto scaduta per rinnovo dell rappresentanze, sia nella figura del presidente sia nelle figure dei componenti (Art.10 c.2 del Regolamento della Consulta comunale degli Studenti Universitari del Comune di Bari)". "I sottoscritti - precisa ancora la nota - nonostante il disinteresse manifestato rispetto alle richieste di chiarimento alla SS. LL. inviate, fanno inoltre presente che i lavori dell’ultima (e unica) convocazione devono essere in maniera categorica ritenuti non validi: va infatti intesa la Consulta operante in regime di prorogatio amministrativa a decorrere dalla data 1.11.2016, inizio dell’anno accademico di riferimento, che fa seguito all’elezione dei rappresentanti dell’Università degli Studi di Bari, componente maggioritaria all’interno della Consulta (Art.10 c.2 del suddetto Regolamento)".

"Fiduciosi della possibilità, in considerazione della reiterata protesta, di ricevere Vostra risposta, non possono che esprimere rammarico per il mancato interesse e mancata considerazione da parte dell’Amministrazione Comunale, nonché di tutti gli interessati che tacciono rispetto alle segnalazioni e non rispondono all’invito al dialogo. Non sono disposti a tollerare oltre l’inerzia dell’Amministrazione e, nel rispetto del principio della leale collaborazione, confidano nella possibilità di giungere ad una soluzione definitiva per il bene della Comunità Studentesca tutta e per la credibilità delle istituzioni che la rappresentano", concludono le associazioni studentesche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento