Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Focolai Covid con 47 decessi in due Rsa del Barese, inchiesta della Procura: cinque indagati

I fatti si riferiscono a quanto avvenuto nel corso della prima ondata in due strutture a Bari e Noicattaro: secondo l'accusa, gli amministratori non avrebbero adottato le misure necessarie a contenere i contagi

Cinque persone sono indagate nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Bari relativa a due focolai Covid scoppiati, durante la prima ondata pandemica, in altrettante Rsa di Bari e Noicattaro, in cui si contarono complessivamente 257 contagi e 47 decessi.

L'inchiesta, di cui dà notizia oggi l'edizione barese di Repubblica, riguarda i focolai nella Rssa 'Villa Giovanna' a Bari, con 130 contagi e 27 decessi, e nella Rssa 'Nuova Fenice' a Noicattaro, con 127 contagi e 20 morti.

In particolare, secondo l'accusa, gli amministratori delle due strutture non avrebbero messo in atto le misure necessarie a prevenire e contenere i contagi, come l'allestimento di una zona isolata per i pazienti Covid e la fornitura di dpi.

I cinque indagati per il reato di concorso in epidemia colposa sono i due legali rappresentanti della società Segesta, i due coordinatori sanitario e gestionale di 'Villa Giovanna' e la coordinatrice gestionale della Rssa 'Nuova Fenice'.  Gli arresti domiciliari chiesti dalla Procura sono stati rigettati dal gip, e il rigetto è stato impugnato: il 25 febbraio sarà discusso davanti al Tribunale del Riesame.

(foto di repertorio)
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focolai Covid con 47 decessi in due Rsa del Barese, inchiesta della Procura: cinque indagati

BariToday è in caricamento