menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Capi d'abbigliamento e articoli di elettronica contraffatti: controlli e sequestri della Finanza

Il bilancio di due giorni di controlli compiuti dalle Fiamme Gialle su tutto il territorio regionale: sequestrati in tutto 11 milioni di articoli, 69 persone denunciate

Controlli e sequestri della Finanza in tutta la Regione, nell'ambito di una specifica operazione di contrasto alla contraffazione e all'abusivismo commerciale.

L’operazione, avvenuta nelle giornate del 7 e 8 ottobre, ha registrato 161 interventi, che hanno portato al sequestro complessivo di 11 milioni di articoli, con la denuncia all'Autorità giudiziaria di 69 soggetti.

In particolare, 6,6 milioni di articoli sono stati sequestrati nel settore dell’abbigliamento e accessori, 2,6 milioni di articoli nel settore dei beni di consumo e 800mila articoli di elettronica, risultati contraffatti oppure ritenuti dannosi per la sicurezza dei consumatori e, quindi, sottoposti a sequestro.

Ai fini dell'azione di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza ricorda l'importanza dell’utilizzo del portale S.I.A.C. (“Sistema Informativo Anti Contraffazione”), progetto co-finanziato dalla Commissione Europea ed affidato dal Ministero dell’Interno alla Guardia di Finanza, la cui struttura operativa è stata dislocata proprio alla sede di Bari. La piattaforma tecnologica consente un’attività di analisi e controllo in tema di contrasto e lotta alla contraffazione, permettendo alla Guardia di Finanza di estrapolare una serie di informazioni e dati statistici strutturati.

Dall’inizio dell’anno, i Reparti operativi impiegati nello specifico settore hanno effettuato complessivamente 1.267 controlli su tutto il territorio regionale, con 877 soggetti denunciati all’Autorià giudiziaria, 482 sanzioni al consumatore, con oltre 25 milioni di articoli contraffatti o ritenuti non sicuri posti sotto sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento