Prima gli insulti omofobi, poi le botte e la rapina: ragazzi gay aggrediti in centro, individuati tre del branco

L'episodio a giugno scorso in largo Adua: i due giovani - uno spagnolo, l'altro italiano - erano stati avvicinati da un gruppo di ragazzi che dopo averli offesi, li avevano aggrediti derubandoli

L'aggressione in largo Adua

Prima insultati con pesanti offese di stampo omofobo, poi aggrediti e derubati, in una delle zone più frequentate della 'movida' barese. Vittime della violenta aggressione, avvenuta lo scorso 8 giugno in largo Adua, nei pressi del lungomare, una coppia di ragazzi, un italiano e il suo compagno spagnolo.

Per quel grave episodio, la polizia ha arrestato un 20enne e un 19enne - entrambi con precedenti di polizia, di cui uno anche per violenza sessuale di gruppo - mentre un terzo soggetto, minorenne, è stato deferito presso il Tribunale per i Minori. Per tutti l'accusa è di rapina pluriaggravata in concorso e lesioni aggravate in concorso.

VIDEO | L'AGGRESSIONE RIPRESA DALLE TELECAMERE: CALCI E PUGNI ALLE VITTIME

Secondo quanto emerso dalle indagini della Squadra Mobile, i tre avrebbero fatto parte del 'branco' he a giugno scorso aggredì la coppia di ragazzi, prima insultandoli e poi aggredendoli per derubarli di alcuni monili in oro e argento che indossavano. Le immagini video acquisite - spiegano gli investigatori - "hanno consentito di ricostruire nel dettaglio la vicenda e, soprattutto, lo sgomento suscitato nelle persone presenti dall’estrema crudeltà dimostrata dagli aggressori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo le formalità di rito, i due arrestati sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Proseguono le indagini tese all’individuazione degli altri quattro complici. La vicenda è stata comunicata all’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori istituito presso il Ministero dell’Interno per la tutela delle vittime dei reati a sfondo discriminatorio (hate crimes).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento