Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Caccia con richiami acustici illegali nel parco dell'Alta Murgia: sequestrati fucile e munizioni

Denunciato un cacciatore, sorpreso dai carabinieri forestali a Corato: l'apparecchio nascosto all'interno di uno zaino utilizzato per attirare i tordi

A caccia nel parco dell'Alta Murgia, utilizzando richiami acustici vietati dalla legge per attirare la fauna. Un altro cacciatore è finito nella rete dei controlli a tutela del patrimonio faunistico effettuati dai Carabinieri forestali coordinati dal Reparto Parco Nazionale Alta Murgia di Altamura.

Questa volta i militari della Stazione Forestale Parco di Ruvo di Puglia sono intervenuti in località “Sanzanelli” in agro di Corato, dove a seguito di monitoraggi e perlustrazioni, sono stati percepiti anomali e ripetuti versi di avifauna. I successivi sopralluoghi hanno permesso di individuare, nascosto all’interno di uno zaino nascosto tra la vegetazione a margine del bosco, un richiamo acustico elettromagnetico in funzione che riproduceva e diffondeva il verso di Tordi. Tali mezzi utilizzati per attirare l’avifauna, non sono consentiti dalla normativa sull’esercizio venatorio configurando uno specifico illecito costituente reato. 

I forestali hanno così raggiunto la postazione di caccia fino a sorprendere un cacciatore in chiaro esercizio venatorio, nel mentre si avvantaggiava dell’utilizzo del richiamo posto a poca distanza dal suo fucile.  

Accertata la flagranza di reato, i militari dopo aver identificato il soggetto, hanno sequestrato l’arma, le munizioni, la fauna abbattuta nonché il richiamo elettromagnetico.  L’uomo di 41 anni residente a Nocera Inferiore, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria di Trani per il reato di esercizio venatorio con mezzi non consentiti. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia con richiami acustici illegali nel parco dell'Alta Murgia: sequestrati fucile e munizioni

BariToday è in caricamento