Fanghi dell'autolavaggio sversati in un frutteto: area sotto sequestro a Corato

Oltre 150 quintali di rifiuti speciali smaltiti illecitamente in campagna: carabinieri forestali e Arpa al lavoro per verificare eventuale contaminazione di suolo e falda

I fanghi prodotti dall'attività di autolavaggio venivano sversati e smaltiti illecitamente in un terreno coltivato a ciliegeto, a Corato. L'area è stata posta sotto sequestro dai carabinieri forestali e ora le indagini proseguono, anche con l'ausilio di tecnici Arpa, con sopralluoghi e prelievi di campioni per verificare l'eventuale contaminazione di suolo e falda.

Le indagini sono partite da un controllo dei Carabinieri forestali di Ruvo, che in un fondo recintato avevano riscontrato la presenza di alcuni cumuli di materiale fangoso di colore grigio. I rifiuti - oltre 150 quintali - sono risultati provenienti dalle vasche di decantazione di un’attività di autolavaggio self service con sede a Corato di cui era socio accomandatario il proprietario del terreno oggetto di accertamento.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • "Puntiamo alla zona gialla". Decaro: "Con misure meno restrittive per un Natale più sereno"

Torna su
BariToday è in caricamento