Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Trecento posti in terapia intensiva dai privati e due ospedali da riattivare: il piano della Puglia contro il coronavirus

Previsti anche 195 posti in malattie infettive. Gli ospedali privati della Puglia sono pronti a mettere a disposizione del sistema sanitario le proprie strutture

Trecento posti in più per le terapie intensive e 195 posti letto nei reparti di malattie infettive: gli ospedali privati della Puglia sono pronti a mettere a disposizione del sistema sanitario le proprie strutture nell'ambito dell'emergenza coronavirus.

Ad annunciarlo è il presidente di Aiop Puglia, l'associazione italiana ospedalità privata, Potito Salatto: "Al fine di fornire un fattivo contributo per fronteggiare l’attuale momento critico - annuncia Salatto - e collaborare con il centro di crisi regionale, gli operatori della sanità privata si dichiarano pronti a porre in atto tutte quelle azioni che saranno ritenute utili ed efficaci per contrastare il propagarsi del virus e prestare le cure più efficaci ai nostri cittadini. Il contrasto a questo virus è un impegno proibitivo, dal quale nessun operatore sanitario può tirarsi indietro. Siamo disponibili a mettere in rete le nostre strutture per decongestionare gli ospedali pubblici e gestire pazienti, anche complessi". I casi meno gravi, invece, vedranno 400 posti letto a disposizione nei reparti di pneumologia e medicina itnerna. Gli ospedali più grandi, invece, potranno ospitare intere aee per l'emergenza. La Regione è pronta ad aprire anche gli ospedali di San Pietro Vernotico e Terlizzi per ospitare i pazienti in via di guarigione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trecento posti in terapia intensiva dai privati e due ospedali da riattivare: il piano della Puglia contro il coronavirus

BariToday è in caricamento