menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estate in Puglia ai tempi del coronavirus, la proposta della Regione: "Tampone a chi entra nelle strutture turistiche"

Ad affermarlo è il governatore Michele Emiliano che, nel corso di un'intervista a Rai Radio 1, ha spiegato le strategie per consentire di non buttare l'intera stagione estiva a causa dell'emergenza coronavirus

"Stiamo pensando a misure molto rigide a tutela della salute, che consenta a chiunque decida di passare le vacanze in Puglia di effettuare tamponi all'entrata delle strutture turistiche per garantire tutti gli altri ospiti": ad affermarlo è il governatore Michele Emiliano che, nel corso di un'intervista a Rai Radio 1, ha spiegato le strategie della Puglia per consentire di non buttare l'intera stagione estiva a causa dell'emergenza coronavirus.

"Far saltare tutta la stagione - ha aggiunto Emiliano - è un'alternativa terrificante perché significa perdere un miliardo di fatturato annuo e centinaia e centinaia di aziende". Per questo la Regione sta studiando "misure severe ma che tutelino l'idea di vacanza, innanzitutto". Il governatore ha anche spiegato che, oltre ai turisti, vanno tutelate "le strutture e il capitale umano", perché se le aziende turistiche "decidono di cambiare i loro interessi demoliamo un lavoro straordinario che la Puglia ha realizzato negli ultimi 15 anni, facendola diventare una delle mete turistiche più ambite. Mi auguro - ha poi rimarcato - che il governo possa prorogare le concessioni balneari, abbiamo bisogno che le aziende balneari ci aiutino a fare controlli, a fare distanziamento e a gestire anche i tratti di spiaggia libera".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento