menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controllo della temperatura e varchi per entrare: nuove disposizioni per l'accesso al Policlinico di Bari

Si potrà accedere solo attraverso appositi punti presidiati da personale sanitario che procederà al controllo della temperatura di dipendenti, pazienti e visitatori e alla somministrazione di un breve questionario di valutazione del rischio

Da domani 12 marzo saranno attive nuove disposizioni per accedere all'interno del quartiere del Policlinico di Bari, nell'ambito dell'emergenza coronavirus: lo comunica l'azienda ospedaliera. Si potrà entrare solo attraverso appositi varchi presidiati da personale sanitario che procederà al controllo della temperatura di dipendenti, pazienti e visitatori e alla somministrazione di un breve questionario di valutazione del rischio

I cancelli di via Albanese , di viale Orazio Flacco e quello secondario di piazza Giulio Cesare saranno chiusi mentre il portone principale di piazza Giulio Cesare riservato ai pedoni rimarrà aperto dalle 6 alle 22. Inoltre, da via Storelli potranno accedere esclusivamente i veicoli dei fornitori dalle 6 alle 14, mentre da viale Ennio e da via Pietrocola potranno continuare ad accedere i mezzi di emergenza e le auto dirette al pronto soccorso; i due varchi, invece, saranno interdetti ai pedoni.

"Contestualmente l’Amtab - si legge in una nota dell'azienda ospedaliera - su richiesta del Policlinico di Bari, procederà alla chiusura del parcheggio interno con accesso da via Albanese. Gli utenti potranno lasciare regolarmente la vettura presso il Polipark. L’accesso all’area dell’ospedale dalla fermata Policlinico delle Ferrovie Appulo Lucane sarà chiuso fino a nuova comunicazione. L’ingresso all’edificio che ospita l’ospedale pediatrico “Giovanni XXIII” avverrà attraverso il portone principale di via Amendola".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento