Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Gravina in Puglia

Furbetti pronti a rivendere i buoni spesa per le famiglie povere, il sindaco di Gravina: "Vi mando in galera"

Ad affermarlo, attraverso un video su Facebook, è Alesio Valente, mettendo in guardia i cittadini su eventuali atti illegali utilizzando i tagliandi per le famiglie bisognose nelle settimane dell'emergenza coronavirus

"Mi segnalano furbetti pronti ad approfittare della situazione, rivendendosi i buoni spesa. Ve lo dico subito: vi mando in galera". Ad affermarlo, attraverso un video su Facebook, è il sindaco di Gravina in Puglia, Alesio Valente, mettendo in guardia i cittadini su eventuali atti illegali utilizzando i tagliandi per le famiglie bisognose nelle settimane dell'emergenza coronavirus.

Valente afferma di aver "saputo di qualcuno che si rivende i buoni. Per esempio se il buono ha il valore spesa di 100 euro, se lo rivende a 70 euro. Stiamo effettuando i controlli. E' vergognoso, vi denuncio tutti e vi mando in galera". Proprio a seguito delle segnalazioni, il Comune, che aveva già avviato la distribuzione da 10 giorni, prima del provvedimento del Governo, ne ha cambiato le modalità di erogazione, inserendo nome e cognome del beneficiario al momento della spesa, vincolandone l'utilizzo a un documento d'identità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furbetti pronti a rivendere i buoni spesa per le famiglie povere, il sindaco di Gravina: "Vi mando in galera"

BariToday è in caricamento