menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione della corsa

La presentazione della corsa

A fine aprile arriva 'Vivicittà': i podisti si sfidano sui 12 e sui 4 chilometri a parco 2 Giugno

La 31esima edizione della manifestazione si terrà domenica 23 aprile. I proventi verranno in parte devoluti in beneficenza ad Unicef per supportare i bambini di Aleppo

Una corsa dai risvolti benefici: torna a Bari 'Vivicittà', la competizione podistica giunta ormai alla 31esima edizione, che quest'anno grazie ai partecipanti darà supporto ai bambini di Aleppo, città vittima ormai da tempo di pesanti bombardamenti. Come hanno spiegato gli organizzatori questa mattina durante l'incontro di presentazione della gara, i proventi dell'iscrizione saranno in parte devoluti ad Unicef, che li destinerà alle attività di supporto per i piccoli abitanti della città siriana. 

La competizione - L'evento si terrà domenica 23 aprile e prevede tre diversi percorsi, che partono da parco 2 Giugno: una corsa competitiva di 12 chilometri e due non competitive, di 12 e 4 chilometri. Le iscrizioni - al costo di 12 euro -sono aperte fino al 20 aprile per la corsa competitiva, fino al 23 aprile per quelle non competitive. Gli iscritti riceveranno un kit gara comprensivo di maglia tecnica - per chi si iscrive alla corsa non competitiva - o di canotta tecnica - per chi si iscrive alla corsa competitiva -, oltre a calzini, medaglia, pettorale di gara, chip per la rilevazione del tempo, sacchetta ristoro, attestato di partecipazione, assicurazione e assistenza medica. Inoltre da sabato 22 aprile aprirà anche lo 'Sport village' e la 'Game zone', con tante attività dedicate a tutte le età.

"Vivicittà è la manifestazione podistica storica dei baresi - ha spiegato l'assessore allo Sport Pietro Petruzzelli -, una gara che ha visto correre migliaia di
appassionati negli ultimi anni. Una corsa allegra e spensierata, adatta a tutti, grandi e piccoli, baresi e non. Bari non si può considerare la città dei runner senza Vivicittà, un evento che tutti conoscono e amano".

“Per le nostre 140 scuole e i 40mila studenti - ha commentato  l'assessore alle Politiche educative Paola Romano - Vivicittà si rivela come opportunità eccezionale per conoscere una manifestazione che racconta la storia della nostra comunità. Quel giorno si stringerà ancora più forte il legame tra l’attività sportiva e la riflessione sui diritti fondamentali dei più piccoli che ancora oggi, purtroppo spesso, sono negati a tanti bambini in molte parti del mondo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento