menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lezioni 'anti-jihad' per presunto terrorista barese: percorso riabilitativo applicato per la prima volta in Italia

Tra gli argomenti del programma universitario destinato al 42enne di Noci Alfredo Santamato vi sono rispetto del pluralismo e della diversità, condizione della donna e relazioni familiari. La decisione è del Tribunale di Bari

Rispetto del pluralismo e della diversità, condizione della donna e relazioni familiari saranno tra gli argomenti del programma universitario di de-radicalizzazione per Alfredo Santamato, 42enne di Noci, indagato per terrorismo internazionale di matrice islamica e sottoposto per questo alla misura della sorveglianza speciale.  A deciderlo è il Tribunale di Bari: l'indagato è destinatario anche di un obbligo di dimora e del divieto per due anni di utilizzare dispositivi con accesso a internet. L'uomo seguirà un percorso riabilitativo affiancato da mediatori sociali. L'iniziativa è fortemente voluta dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Bari e dal suo presidente Francesca La Malfa, su impulso della Dda. Si tratta del primo caso in Italia. L'intervento è concordato in collaborazione con l'Università di Bari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento