rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Bari Vecchia / Corso Vittorio Emanuele

San Nicola, "angeli danzanti" tra cielo e terra: presentato il Corteo storico 2017

Svelate le novità della 'Caravella', firmata Elisa Barucchieri: anteprima il 6 con rievocazioni ed eventi in tutta la città vecchia. Il clou domenica 7 con decine tra figuranti e ballerini

Tradizione, innovazione e attualità, tre linee guida per stupire e far riflettere baresi, pellegrini e forestieri, con il naso all'insù durante il Corteo di San Nicola. Il tradizionale appuntamento con la 'Caravella' del 7 maggio avrà quest'anno lo sguardo fiero e profondo delle donne, a cominciare da quello della regista, Elisa Barucchieri, artista che fonderà la danza aerea con i classici quadri del santo e dei suoi 'miracoli', così contemporanei se paragonati alle vicende quotidiane. Il corteo, la cui realizzazione è stata affidata alla Doc Servizi, vincitrice del bando pubblico, sostenuta da numerosi sponsor, coinvolgerà come sempre il centro cittadino, tra sfilate, evoluzioni di ballerini e figuranti nell'aria, lungo corso Vittorio Emanuele, video proiettati sul Castello e la conclusione davanti alla Basilica di San Nicola. Per gli amanti delle tradizioni non mancheranno tamburi, cavalli, soldati e banditori. L'antipasto sarà servito il 6: quattro piazze della Città Vecchia (Largo Albicocca, piazza Odegitria, largo Annunziata e la terrazza del Fortino), ospiteranno dal pomeriggio letture, laboratori teatrali e spettacoli pensati per coinvolgere grandi e bambini. Dalle 19, invece, una prima rievocazione dello sbarco delle ossa del Santo, con un corteo che terminerà davanti alla chiesa di San Michele dove verrà celebrata la presa di possesso dei resti da parte dell'Abate Elia.

Il clou, ovviamente, domenica 7 maggio: da San Giorgio arriverà, sul molo nicolaiano, il Quadro del Santo, verso le 20, accolta da figuranti che la scorteranno nel Borgo Antico. Alle 20.30, invece, dal Castello Svevo, partirà il corteo vero e proprio che si snoderà per via San Francesco D’Assisi, piazza Giuseppe Garibaldi, corso Vittorio Emanuele, Lungomare Imperatore Augusto e Basilica di San Nicola. Sei i quadri allestiti con decine di figuranti in costume, per altrettante storie spiegate con emozione proprio da Elisa Barucchieri: "Il messaggio di San Nicola - ha affermato - sta proprio in questa dimensione sospesa tra cielo e terra. Il messaggio di cui è portatore San Nicola è anche un richiamo a noi ad elevarci nelle azioni e nei pensieri quotidiani". Angeli danzanti per ripercorrere sei momenti importanti della storia del Santo, trasferendoli nella stretta attualità: dai ballerini in body painting sospesi che richiameranno la costruzione della cripta, alle donne che lottano contro il tumore protagoniste del quadro della Manna, fino ai ragazzi della scuola media Verga assieme ai loro coetanei Rom, nella rappresentazione del Miracolo dei bimbi indifesi, salvati da San Nicola.

E poi l'ode all'amore nel prodigio della colonna per le fanciulle da maritare, la generosità della dote nicolaiana per salvare tre fanciulle dalla prostituzione, storia di grande attualità, e, infine, la Caravella con il quadro e il popolo in festa. La voce narrante sarà della popolare attrice Elena Sofia Ricci, sorella di Elisa Barucchieri, accompagnata dalle musiche originali del compositore Stefano Mainetti: "È molto bello che ci sia una manifestazione così importante a Bari che celebri la città e l’amore della città per questo Santo: una storia d’amore scritta in maniera bellissima tra Bari e Nicola - spiega Ricci -. Un amore evocativo per la città. Dal punto di vista mistico è un’esperienza molto interessante e un’occasione speciale per lavorare con mia sorella e per la città. Questo per me è un grande onore”. Le evoluzioni e le magie 'aeree' saranno rese possibili dal talento e dalla creatività internazionali della compagnia ResExtensa, in collaborazione con Molecole Show.

Il sindaco Antonio Decaro ha parlato delle novità e dello spirito del corteo 2017: "Sarà tutto al femminile, non solo per la regia - ha affermato -. Le donne non rappresentano una quota rosa ma hanno organizzato tutto loro, sia l'attività progettuale che la messa in scena. Il Corteo richiama il fascino di quello dello scorso anno e contemporaneamente anche i messaggi della tradizione nicolaiana guardandoli con gli occhi dell'attualità e in questo ringrazio Elisa Barucchieri, legata alla città di Bari. Sarà il corteo di altre prime volte, come quella di San Nicola che dopo 930 anni si mette in viaggio verso Mosca e San Pietroburgo unendo i popoli, un messaggio di pace e di dialogo in un momento storico particolare. Bari sempre più internazionale e siamo contenti".

L'assessore comunale alle Culture, Silvio Maselli, sottolinea infine il rapporto tra antico e futuro, un contrasto tipico del corteo nicolaiano: "Vivere la tradizione - ha affermato - significa non solo rispettarla, ma anche innovarla e, per ciò stesso, tradirla, non a caso tradizione e tradimento hanno la stessa radice che parla della capacità di trasferire alcuni valori nel tempo e nello spazio. Far rivivere una tradizione, innervandola di significati attuali, è la strada per emozionare il grande pubblico di questa rievocazione e per conquistarne di nuovo, il pubblico di domani, quei giovani e giovanissimi che in questa nuova edizione saranno protagonisti dell’evento".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Nicola, "angeli danzanti" tra cielo e terra: presentato il Corteo storico 2017

BariToday è in caricamento