Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Carrassi / Via Timavo

"Inseguiti da un vigilante armato": gli studenti del De Nittis pubblicano le foto dei lividi. Domani il corteo

Il Comitato De Nittis ha postato le immagini delle ferite e dei lividi riportati in seguito ai fatti del 17 dicembre. Il corteo si muoverà domani alle 12.30

Lividi, ferite e abrasioni: gli studenti del De Nittis postano su Facebook le immagini dei danni provocati durante l'incursione notturna nella sede centrale del liceo artistico, avvenuta il 17 dicembre scorso. I ragazzi utilizzano la pagina del Comitato De Nittis per denunciare ancora una volta di essere stati rincorsi da un vigilante privato armato, assoldato dalla stessa preside dell'istituto:

Dopo aver suonato il clacson un paio di volte, abbiamo visto uscire un uomo da una macchina privata che si dirigeva verso di noi con una pistola alla mano. Siamo rimasti impietriti e quello che ci è stato gridato è: «Fermi tutti, vi sparo! Vi sparo, ho una pistola!».

A quel punto i ragazzi sarebbero fuggiti, ferendosi nella fuga: 

 Tre ragazze si sono ferite nella corsa, due alle mani e una alla gamba quindi ci affacciamo dentro e vediamo che l'uomo aveva i distintivi di riconoscimento dell’ Ivri , un’agenzia di sicurezza privata ed è lui stesso incredibilmente a dircelo: «Sono stato incaricato dalla vostra Dirigente Scolastica ieri stesso per impedire eventuali occupazioni».

25550499_660412101015607_6630217059447914086_n-2

Le proteste

Inizialmente gli studenti hanno protestato con un sit in davanti alla sede centrale del liceo artistico, al quale è seguito un incontro con la dirigente scolastica, che ha concesso loro di organizzare una serie di attività autogestite anche nel plesso Pascali sul lungomare Vittorio Veneto, in cui era partito uno sciopero bianco condiviso con i docenti. La situazione non sembra però essersi calmata, almeno a sentire quanto dicono i ragazzi:

Il tentativo della dirigente di scaricare le proprie responsibilità in merito al gravissimo episodio di violenza ed abuso di potere dei quali siamo stati vittima, è la dimostrazione di una gestione del rapporto con gli studenti assolutamente conflittuale e non costruttiva. Il fatto che sia la dirigente che parte del corpo docente si rifiuti di credere alla nostra versione dei fatti è uno strappo irreparabile nei confronti degli studenti.

Gli studenti chiedono di visionare il contratto con cui è stata assoldata la guardia privata. Nel frattempo la preside Irma D'Ambrosio ha chiesto un rapporto all'agenzia per capire come si siano svolti i fatti. I ragazzi hanno annunciato che domani manifesteranno in piazza, con un corteo che partirà alle 12.30 dalla sede centrale del De Nittis. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Inseguiti da un vigilante armato": gli studenti del De Nittis pubblicano le foto dei lividi. Domani il corteo

BariToday è in caricamento