menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, donna di 44 anni muore in casa ad Altamura: positiva a test antigenico, era in attesa di tampone. La Asl: "Avviate verifiche"

Il decesso avvenuto lo scorso 27 novembre: secondo quanto finora accertato dall'azienda sanitaria barese, quello stesso giorno la donna avrebbe dovuto sottoporsi al tampone, prenotato a 48 ore dalla segnalazione fatta dal medico curante

La Asl di Bari ha avviato verifiche per fare chiarezza sul decesso di una donna di 44 anni di Altamura, morta lo scorso 27 novembre nella sua abitazione. Secondo quanto riportato da alcuni giornali, la donna, che pare fosse affetta da altri problemi di salute e che viveva in casa con la sua bimba di quattro anni e i genitori, è stata trovata senza vita venerdì mattina dal padre: inutili i soccorsi del 118. Una vicenda che ha profondamente scosso la comunità, anche in relazione a possibili carenze nell'assistenza ricevuta dalla donna e dalla sua famiglia.

"Come emerso dai primi riscontri - spiega l'azienda sanitaria barese in una nota - gli operatori del Sisp area Nord del Dipartimento di prevenzione avevano programmato, nella stessa giornata in cui poi è avvenuto il decesso,  venerdì 27 novembre,  l’effettuazione del tampone alla paziente e ai componenti del nucleo famigliare. La prenotazione è avvenuta a distanza di 48 ore dalla segnalazione ricevuta il 25 novembre dal medico di Medicina generale che ha in cura la famiglia, dopo esito positivo ad un test antigenico".

La direzione generale annuncia di aver chiesto in merito alla vicenda "una relazione conoscitiva sia al medico di Medicina generale sulle attività assistenziali di sua competenza sia al medico del 118 intervenuto sul posto per quanto di sua conoscenza rispetto all’accaduto".   

(foto di repertorio)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento