menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid nel Barese: anche a Bitonto stop alle 19 per i negozi, a Mola il sindaco chiude strade e piazze

Si moltiplicano anche in provincia, dopo il vertice dei giorni scorsi in Prefettura, le ordinanze per far fronte all'aumento dei contagi, dalle chiusure anticipate per le attività commerciali ai divieti anti-assembramenti

Negozi chiusi alle 19 anche a Bitonto, divieto di stazionare di sera in alcune strade e piazze a Mola. Arrivano in queste ore le nuove ordinanze dei sindaci del Barese, per fronteggiare l'aumento dei contagi da Coronavirus e scoraggiare gli assembramenti. Provvedimenti che scaturiscono dalla 'stretta' sui controlli chiesta in settimana dal Viminale, e che nei giorni scorsi è stata al centro della riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza in Prefettura a Bari.

Così a Bitonto il sindaco Michele Abbaticchio segue la strada tracciata a Bari da Antonio Decaro, disponendo, a partire da lunedì prossimo (e fino al 3 dicembre) la "sospensione della vendita e delle prestazioni" alle 19 per le "attività commerciali di vendita al dettaglio ed esercizi artigianali di barbiere, parrucchiere ed estetista". Esclusi dall'ordinanza i negozi di prodotti alimentari, farmacie, tabaccai e il settore della ristorazione per cui valgono le misure già in vigore. Spiegando ieri in diretta Fb le ragioni della nuova ordinanza, il sindaco ha fatto anche il punto sui contagi nella cittadina: attualmente sono 197 positivi a Bitonto, 14 nella frazione di Mariotto e quattro a Palombaio. In isolamento ci sono 64 persone di cui 35 in attesa di tampone.

A Mola, invece, il sindaco ha firmato un’ordinanza che dispone, fino al 3 dicembre prossimo, il divieto di stazionamento per le persone, e la sola facoltà di transito, dalle 17 alle 22 in alcune strade e piazze cittadine (Piazza 8 marzo; Piazza Municipio; Via A. Volta, nell’intersezione tra via A. De Gasperi, via Aldo Moro e Via Baracca; Piazza XX Settembre; Piazza degli Eroi; Piazza dei Mille e Area “Mercato Coperto”). Inoltre, nelle giornate di sabato e domenica, dalle 10 alle 13, l’ordinanza dispone il divieto di stazionamento, con la sola facoltà di transito, sul lungomare Dalmazia, via Lungara Porto e piazza XX Settembre. I trasgressori rischiano multe da 400 a 1000 euro.  “Non avrei voluto disporre ulteriori restrizioni per non limitare ulteriormente tutti voi in un periodo già pregno di obblighi e preoccupazioni – scrive il sindaco sulla sua pagina Fb - ma, dopo gli assembramenti di questi giorni, la scelta è stata obbligata in funzione della tutela della salute pubblica. Le misure, condivise con il Prefetto di Bari e dal Centro Operativo Comunale, si sommano a quelle stabilite dal DPCM del 3 novembre 2020”. “I controlli saranno rigidi e inflessibili e interverremo severamente contro chi dimostra di essere irresponsabile. Ieri – ricorda il sindaco - nella provincia di Bari si è toccato il numero massimo di nuovi contagi registrati in un solo giorno dall’inizio della pandemia, ben 679. Nella nostra provincia gli attualmente positivi sono oltre 12.789. I contagi sono in costante aumento anche a Mola dove attualmente ci sono 61 positivi”. “I dati fotografano una situazione molto complessa a tutti i livelli – conclude Colonna - Ma forse tutto ciò non preoccupa le tante persone che stanno affollando alcune zone della nostra città come se niente fosse. Ringrazio tutti coloro che si stanno comportando con prudenza e senso di responsabilità invitandoli a continuare così per il bene di tutti”.

(in foto piazza XX settembre a Mola - https://www.comune.moladibari.ba.it/)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento