menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Superati i 5mila morti in Puglia per il Covid. Nuovo balzo dei ricoveri, scoperti altri 475 casi su circa 6mila tamponi

I numeri del bollettino regionale: settanta decessi segnalati ma si tratta di un riconteggio di 55 morti a cui si aggiungono i 15 riportati nelle ultime ventiquattro ore

Sono 475 i nuovi casi Covid segnalati in Puglia nel bollettino regionale del 6 aprile 2021. Pochi, anche per la concomitanza con il Lunedì di Pasqua, i test eseguiti, pari a 5.759. Nel dettaglio sono stati individuati 161 nuovi positivi in provincia di Bari, 48 in provincia di Brindisi, 30 nella Bat, 139 in provincia di Foggia, 90 in provincia di Lecce, 15 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti fuori regione e 6 casi di provincia di residenza non nota sono stati riclassificati e riattribuiti.

Il numero che impressiona, però, è quello dei morti, 70, frutto, come spiega l'assessore pugliese alla Salute, Pier Luigi Lopalco, di un ricalcolo sulla settimana precedente, portando a quota 5001 il totale delle vittime da inizio pandemia: "Sono 15 i decessi avvenuti in Puglia nella giornata di oggi - spiega -. Settanta decessi in una settimana sono comunque un numero molto pesante che dà il senso del dramma di questa pandemia.

Nel database sono stati complessivamente inseriti 50 decessi in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 2 nella Bat, 7 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 8 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.932.738  test. Ad oggi sono 146.892 i pazienti guariti mentre scendono a 50.454 i casi attualmente positivi. Balzo notevole dei ricoverati passati da 2158 a 2240.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 202.347 così suddivisi: 79.008 nella provincia di Bari, 19.727 nella Bat, 14.674 nella provincia di Brindisi, 37.359 nella provincia di Foggia, 19.344 nella provincia di Lecce, 31.245 nella provincia di Taranto, 698 attribuiti a residenti fuori regione, 292 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Emiliano contro il coprifuoco alle 22: "Non ha senso e penalizza il turismo". Sulla scuola "il problema è per i mezzi di trasporto"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento